CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Cantù: operazione della gdf di Lecco, arrestati due albanesi per droga foto

Blitz delle fiamme gialle mentre stavano scaricandl la cocaina da un camion: quasi 100 chili di polvere bianca. I due ora rinchius al Bassone.

Avevano la loro base nel canturino. Si tratta di due trafficanti di droga albenesi finiti in manette nelle ultime ore a seguito di un’operazione della guardia di finanza di Lecco. Dopo il sequestro di 94 kg di cocaina operato pochi mesi fa, una nuova importante operazione contro il traffico di sostanze stupefacenti è stata condotta dai militari che hanno così assestato un ulteriore  colpo alle organizzazioni malavitose operanti in Lombardia.

Nella rete dei finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecco, sono finiti questa volta due pericolosi trafficanti di etnia albanese con base nel comune di Cantù, uno di anni 61, residente a Monza (Ermin Dellikasi e l’altro, di anni 39, residente a Durazzo, in Albania (Alban Kasami)

Nel corso dell’operazione, le Fiamme Gialle lecchesi hanno sorpreso i trafficanti nella zona industriale di Cantù mentre trasbordavano lo stupefacente da un Tir. Rapido l’intervento dei militari ha impedito che i due trafficanti potessero sottrarsi all’arresto e darsi alla fuga. Dopo aver bloccato i due albanesi, i finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecco hanno poi perquisito a fondo l’autoarticolato appena giunto in Italia dalla Spagna.

Occultati al centro del rimorchio del Tir e “coperti” dal resto del carico costituito da mobili per arredo, i finanzieri hanno rinvenuto cartoni con all’interno oltre 325 KG di sostanza stupefacente tipo hashish. Oltre allo stupefacente, i militari della Guardia di Finanza di Lecco hanno sottoposto a sequestro denaro contante per diverse migliaia di euro e numerosi telefoni cellulari, nonché il tir utilizzato per il trasporto. Anche se l’operazione di polizia si è conclusa nell’ambito della provincia di Como, i militari della Guardia di Finanza ritengono che gran parte della sostanza sequestrata fosse destinata al mercato lecchese, oltre che a quello comasco e bergamasco.