CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Debutto amaro per la Tecnoteam Albese: superata da Vigevano al tie-break foto

Le ragazze di Villa partono male, rimontano e sono superate all'ultima palla di una partita lunghissima. La delusione del presidente che, però, guarda avanti.

Una battaglia di due ore e mezza. E poi l’amarezza di una sconfitta al tie-break davanti al pubblico amico, decisamente numeroso in questa serata inaugurale. Finisce 2-3 per la Florens Re Marcello Vigevano, squadra temibile e lo ha dimostrato pienamente. Debutto amaro in campionato di B1 per la Tecnoteam Albesevolley: persi i primi due set ai vantaggi, le ragazze di Villa hanno trovato cuore e carattere per rimettere in pieni una gara che sembrava compromessa. Rimonta e pareggio con un quarto set da batticuore. E lì, anche psicologicamente, sembrava tutto girare a favore. Poi l’atto conclusivo: inizio in salita (1-5 per Vigevano), risalita e parità. Poi punto a punto fino alla conclusione. Sorride Vigevano, alla Tecnoteam resta in mano un punticino e tanto rammarico. Un peccato vero.

debutto campi nato volley femminile albesevolley
albesevolley campionato b1

Coach Villa deve rinunciare a Bonetti in avvio e non è cosa da poco. Al suo posto mette in campo Citterio che si danna l’anima in attacco e in difesa per rimpiazzare al meglio la compagna. Poi Kim al palleggio, Gentili e Piazza centrali, Milocco banda assieme a Citte, Gobbi opposto e Danielli libero. Primo set ad inseguire fin da subito anche se poi con Citterio e Piazza si trova il pareggio a 11. Dentro Sironi per la banda di Brenna, la gara va avanti punto a punto. Gran muro di Milocco e prima volta avanti la Tecnoteam (17-16). Ma Vigevano non ci sta e con il suo temibile attacco (Lugli, Valdieri e Martini) ritorna sotto e rimette la freccia. E resta avanti fino al 24-26. Secondo set con la stessa formazione per Albese. Piazza e Milocco trascinano la squadra avanti, entra anche la giovane Di Luccio per un tunro di servizoo al posto di Kim, poi la palleggiatrice titolare ritorna a dirigere il gioco. Gobbi spinge avanti Albese fino al 20-16. Sembra fatta, ma Vigevano – con una difesa arcigna – recupera palloni importanti e li capitalizza al massimo. Ancora ai vantaggi, ancora Florens avanti: 25-27. Per la Tecnoteam diventa tutto in salita

Terzo set con il coach che non cambia nulla in formazione. Gli animi si scaldano a metà quando un punto contestato – e poi assegnato dagli arbitri a Vigevano – fa prendere a Villa un cartellino da parte del primo arbitro Perna Di Dio. Ma a quel punto Albese va via senza grossi problemi. Vigevano non oppone grande resistenza, la Tecnoteam ritorna in gara con i punti di Milocco e Gobbi ed una Citterio tutto cuore. Quarto set: l’inizio è choc per Albese. Vigevano scappa via (1-6), la Tecnoteam con piazza al servizio si rifà sotto. Anche Milocco e Gentili ci danno dentro a rete: 16-14. Una Gobbi che attacca bene porta la Tecnoteam al 20-16. Citterio e Piazza, con la regia di Kim, ed è fatta. Gara riaperta e 2-2 sul 25-21.

Tie-break: non un avvio semplice. Le avversarie scappano via ancora con Valdieri e Facendola, Gentili e Citterio le riprendono: 5 pari, poi il sorpasso (8-7). Punto a punto, grande equilibrio. Sembra fatta, ma Vigevano piazza un paio di punti che spezzano la gara. Le nostre recuperano si, ma non ce la fanno a chiudere il gap: 2-3, il debutto – come un anno fa con Collegno – è dal sapore amarognolo. Anche se i tifosi non risparmiano applausi per quello che hanno visto sul campo: impegno e cuore fino all’ultima palla.

TABELLINO DEL MATCH

TECNOTEAM ALBESEVOLLEY 2

FLORENS RE MARCELLO VIGEVANO 3

(parziali set 24-26; 25-27; 25-15; 25-21; 13-15)

TECNOTEAM ALBESEVOLLEY: Kim 1, Gentili 10, Piazza 11, Gobbi 29, Citterio 14, Milocco 12, Danielli libero, Di Luccio, Sironi, Santamaria 1, Bonetti ne. Coach Villa, vice Mazza.

FLORENS RE MARCELLO VIGEVANO: Bruzzone 3, Facendola 15, Crotti 13, Lugli 11, Valdieri 6, Martini 16, Prencipe libero, Chiodini 4, Arioli ne, Beltran ne. Coach Bernardini.

Arbitri: Perna Di Dio di Milano e Ferrari di Brescia