CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Soddisfatto il Pd:”Scelta giusta”, furia della Lega:”Baraccopoli sciagurata” fotogallery video

I parlamentari Braga e Guerra soddisfatti della decisione presa dal Prefetto con la condivisione del Governo, il Carroccio sul piede di guerra: annunciata forte opposizione.

Le prime reazioni politiche dopo la scelta dell’area per ospitare i migranti nei container a Como. Diametralmente opposte come è facile prevedere. Da un lato i parlamentari lariani del Pd che, con una nota, parlano di scelta condivisa e senza speculazioni. Dall’altro la Lega Nord, con il suo deputato lariano Molteni, che si scaglia contro Governo, Prefetto ed amministrazione comunale. Ecco i commenti.

braga e guerra

“L’individuazione dell’area ex Rizzo dove posizionare nelle prossime settimane i moduli temporanei per l’accoglienza dei migranti in città è la risposta più autorevole a chi anche oggi cerca di speculare qualche consenso su una questione che invece richiede impegno e serietà nel ricercare soluzioni adeguate. Il percorso che ha portato a questa soluzione è quello che avevamo condiviso la scorsa settimana negli incontri con Sindaco e Prefetto; il Governo, attraverso l’azione del Prefetto Corda, ha sempre assicurato la massima disponibilità anche nel valutare tutte le opzioni possibili, per individuare la soluzione migliore in ragione delle esigenze di tempo e di effettiva praticabilità.

Quello che stiamo vivendo a Como è un frammento di una questione ben più ampia, che continueremo a seguire nell’interlocuzione con il Governo nazionale, a partire dalla questione dei minori non accompagnati. Per affrontare un problema così complesso non servono urla e slogan, ma serve proseguire nel lavoro serio che è stato compiuto fin qui dalle istituzioni, dalle forze di polizia ma anche dai tanti volontari e cittadini che dimostrano di avere a cuore il bene della nostra città e delle persone che fuggono dai proprio paesi di origini a causa di altra violenza” lo dichiarano i parlamentari comaschi del Partito Democratico, Chiara Braga e Mauro Guerra.

assessore bordonali tra i profughi di como
“La decisione a tre del Governo, della Prefettura e del Comune di Como di collocare una baraccopoli, un vero e proprio Hub comasco, con oltre 50 “case prefabbricate” accanto al cimitero, in zona San Rocco, come alloggio a vita per centinaia di clandestini, è una scelta sciagurata che non risolve il problema anzi lo aggrava a danno dei residenti e dell’immagine di Como. Un insulto a Como e ai comaschi.
Chi oggi bivacca in stazione San Giovanni non sono richiedenti asilo, non sono profughi, non hanno fatto domanda di protezione internazionale. Sono clandestini che devono essere sgomberati da Como, collocati nei CIE, identificati ed espulsi come prevede la legge Bossi/Fini e le regole europee. Se il Governo darà vitto e alloggio a chi non ne ha diritto, siamo pronti a presentare un esposto contro Renzi ed Alfano.
Questa baraccopoli trasformerà il quartiere in un ghetto (la zona è già attualmente controllata da immigrati e stranieri) sotto il controllo di trafficanti, spacciatori criminali e sedicenti collettivi “No Border”, con gravissimo pericolo per la sicurezza dei comaschi. Ci stiamo organizzando e a breve scenderemo in piazza vicino ai residenti, per contrastare questa scelta assunta a danno di Como e dei suoi cittadini”. Lo dichiarano la segretaria cittadina della Lega Nord Alessandra Locatelli, il segretario provinciale Fabrizio Turba, Dario Bianchi e Nicola Molteni consigliere regionale e deputato del carroccio lariano.