CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

I carabinieri:”Gli eravamo vicini, ora caccia a chi lo ha aiutato a scappare” foto

Punto della situazione delle indagini dopo il tentato omicidio di Andrea Giacalone:"Ora cerchiamo chi gli ha dato una mano per nascondersi"

I carabinieri di Cantù ed i colleghi del reparto operativo di Como hanno spiegato stamane alla stampa come si è arrivati alla svolta per il tentato omicidio di Andrea Giacalone, ferito al volto ed all’addome settimana scorsa in centro Cantù da Antonio Manno. Quest’ultimo ieri sera si è costituito al carcere di Opera nel milanese, sentendosi ormai braccato da vicino dai militari.

“Avevano fatto perquisizioni a persone a lui vicino – hanno spiegato i carabinieri – e gli eravamo vicini. Lui si è costituito spontaneamente in cella. Ora stiamo svolgendo attività mirata – hanno aggiunto i carabinieri – per poter risalire a chi lo ha aiutato a scappare in questi giorni e gli può avere dato una copertura”.