CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Di nuovo incubo-ladri nel comasco: furti e quelle strane telefonate “mute”… foto

Tre colpi ad Albate e decine di chiamate a casa di comaschi. Sale la preoccupazione, le raccomandazioni delle forze dell'ordine.

Qualche mese di tregua, certo, ma l’incubo-ladri potrebbe ritornare ad agitare le notti (e non solo) dei comaschi. Il periodo estivo, tra ‘altro, è da sempre quello tradizionalmente più pericoloso per chi lascia la casa anche con tutte le protezioni del caso ed il pur lodevole controllo del vicinato. Ma, si sa, in questi mesi, i ladri spesso riescono ad avere terreno fertile per le loro scorribande. Non a caso sono tanti i comaschi che in questi giorni – e la conferma arriva dalle forze dell’ordine – hanno ricevuto strane telefonate sul “fisso” di casa. E’ accaduto a Como, ma anche nell’hinterland come Lipomo, Tavernerio, Albate e Montorfano. Telefonate senza un interlocutore, in pratica “mute”. Come se qualcuno, dall’altra parte della cornetta, volesse capire se in quell’appartamento c’è qualcuno o no…..

Da qui i consigli che arrivano da polizia e carabinieri, ma anche dal buonsenso verrebbe da aggiungere. In caso di partenza per le vacanze, ovvio, assicurarsi che tutto sia chiuso e l’eventuale allarme inserito. Come “deterrente” per i malintenzionati potrebbe andare bene anche un semplice risponditore automatico che può far capire che la casa non è del tutto disabitata in quel momento. Accorgimenti, stratagemmi, per evitare poi spiacevoli sorprese al rientro.

ALBATE CON LA PAURA, TRE COLPI IN POCHE ORE

Via Tagliamento (due) e via Cantoniga: qui, ad Albate, i ladri sono tornati in azione in queste ore. Lascoando dietro a sè una scia di preoccupazione e paura nei residenti. Il tam tam dei furti – fatti di notte, in un caso senza che le vittime si accorgessero di nulla – inizia a correre di casa in casa nel quartiere e dopo un periodo di relativa calma riecco l’apprensione.