CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Viaggio musicale a San Pietroburgo con il Quartetto K

Continua il Festival Como Città della Musica che questa settimana attende in Arena Gianna Nannini, Trilok Gurtu e Michael Nyman, ma prosegue anche Intorno al festival, la rassegna di concerti e spettacoli gratuiti in altri luoghi.

Se volete staccare un biglietto per San Pietroburgo, ad esempio, dovete recarvi al Chiostro di Sant’Abbondio, sede dell’Università dell’Insubria, martedì 12 luglio, alle ore 19.00.

E’ proprio all’interno della magica atmosfera del Chiostro che si esibirà il Quartetto K guidando gli spettatori  in un viaggio sentimentale nel cuore dell’Europa dell’Est.

Il San Pietroburgo Express  corre  sui binari della tradizione musicale magiara della Mitteleuropa passando per la Russia zarista fino ai piccoli villaggi della Transilvania e del sud dell’Ungheria, dove i musicisti girovaghi accompagnavano i momenti più salienti della vita della comunità. Questo affascinante patrimonio popolare ha ispirato i più grandi compositori del passato, tra cui Brahms, Dvořák, Kodály e Bartók che ne hanno tratto nuova linfa e creato un punto di incontro tra classico e tradizione, tra Oriente ed Occidente, un ponte tra due linguaggi che dialogano e si fondono dando vita ad un nuovo genere musicale.

La musica popolare è il cuore pulsante di questo repertorio, rivisitato nello stile personale del Quartetto K, riconosciuto ed apprezzato dal pubblico per il tono informale, la capacità tecnica e strumentale e la cura degli arrangiamenti.

Mettetevi comodi, rilassatevi e godetevi il viaggio!

 

CHIOSTRO S. ABBONDIO

via S. Abbondio, 12

martedì, 12 luglio – ore 19.00

SAN PIETROBURGO EXPRESS

Viaggio sentimentale nel cuore dell’Europa

 

Quartetto K

Stefano Martini, violino

Matteo Salerno, flauto

Egidio Collini, chitarra

Fabio Gaddoni, contrabbasso

 

INGRESSO LIBERO

 

Programma musicale

Anonimo

Fantasia ungherese (brano tradizionale)

 

Johannes Brahms

Danza ungherese n. 5

 

Anonimo

Djelem, Djelem (canto popolare tzigano)

 

Vittorio Monti

Csárdás

 

Dmitrij Dmitrievič Šostakovič

Romanza (dal film Il tafano op. 97 – regia Aleksandr Fajntsimmer, 1955)

Anonimo

Ja vstretil vas (brano popolare russo)

Mama (brano popolare russo)

 

Alfred Schnittke

Polka dalla Gogol Suite

 

Jenö Hubay

Serenata

 

Jerry Bock

To Life (dal film Il violinista sul tettoregia Norman Jewison, USA 1971)

 

Franz Lehár

Frasquita

 

Friedrich Kreisler

Marcia viennese

 

Isaak Dunayevsky

Tsvetyot Kalina (dal film Cosacchi del Kuban’regia Ivan Pyryev, ex URSS 1949)

 

Antonín Dvořák

Humoresque

 

Anonimo

Dve gitary (brano tradizionale russo)

 

 

 

BIOGRAFIA QUARTETTO K

Nato inizialmente per celebrare la musica klezmer, il Quartetto K, attivo da circa una decina d’anni, propone programmi in cui compaiono vari stili musicali dal repertorio magiaro dei grandi violinisti ungheresi, alla musica gitana, dal klezmer al vastissimo repertorio di czarde e zingaresche che spesso diventano un luogo di incontro tra repertorio classico e popolare.
Studi ed esperienze musicali differenti si fondono per creare un nuovo linguaggio: Martini, Salerno, Collini e Gaddoni rielaborano secondo il proprio stile le più belle melodie provenienti da un bacino inesauribile che da sempre ha ispirato i più grandi compositori della storia.