CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sabato finale del concorso letterario Città di Como. Premio speciale a Edoardo Boncinelli

Si terrà sabato 2 luglio alle 16 a Villa Olmo la cerimonia di premiazione della terza edizione del Premio Internazionale di Letteratura Città di Como, a cui hanno presto parte più di 1750 autori provenienti da tutta Italia e dall’Europa e numerose case editrici di importanza nazionale, da Mondadori a Einaudi, superando così il primato delle scorse edizioni.

«Siamo soddisfatti per il riscontro del Premio Città di Como – commenta Giorgio Albonico, ideatore e organizzatore della manifestazione – che sta crescendo negli anni, edizione dopo edizione, a dimostrazione di come il Premio stia diventando un punto di riferimento in campo culturale e nazionale. Il Premio infatti dà voce agli scrittori, promuove la cultura e soprattutto sviluppa il turismo culturale nella nostra città avvalendosi di una giuria prestigiosa, del magnifico sfondo di Como e di chiarezza di idee».

Anche quest’anno il Premio Città di Como offrirà un riconoscimento speciale a una personalità che si è particolarmente distinta per la diffusione della cultura italiana negli ultimi due anni: la scelta è caduta sullo scrittore e scienziato Edoardo Boncinelli. Genetista di fama internazionale, nel 1985 Boncinelli insieme ad Antonio Simeone, scopre i geni omeotici nell’uomo, architetti che progettano lo sviluppo dell’organismo. Ma Boncinelli è anche un appassionato grecista, ha pubblicato una raccolta di lirici greci classici (da Mimnermo ad Alcmane, da Archiloco a Saffo): 365 liriche, una per ogni giorno dell’anno. Sue ultime opere sono I sette ingredienti della scienza (Indiana 2015) e Contro il sacro. Perché le fedi ci rendono stupidi  (Rizzoli 2016).

 

premio letterario città di como

I FINALISTI

Finalisti della sezione “Poesia edita” sono Lorenzo Babini con “Santa ricchezza”, Alessandro Ceni con “Combattimento ininterrotto”, Mariangela Gualtieri con “Le giovani parole” e Luca Lanfredi con “Il tempo che si forma”. Per la “Poesia inedita” sono stati selezionati Damiano Scaramella con “Utero bianco”, Ivana Tanzi con “Autoritratto allo specchio” e Novella Torre con “Raccolta di poesie inedite” mentre per la “VideopoesiaBarbara Bernardi con “Kairos”.

 

Per la sezione “Narrativa” finalisti sono Mario Garofalo con “Alla fine di ogni cosa”, Michele Mauri con “Salaì, l’altra metà di Leonardo”, Lorenzo Marone con “La tristezza ha il sonno leggero”, Valeria Montaldi con “La randagia” e Pierluigi Panza con “L’inventore della dimenticanza”.

La sezione “Saggistica” vede invece tra i finalisti Vincenzo Barone con “Albert Einstein. Il costruttore di universi”, Chiara Bellini con “Nel paese delle nevi”, Andrea Frova e Mariapiera Marenzana con “Newton&co. Geni bastardi” e Serena Uccello con “Generazione Rosarno”.

 

Per la sezione “Racconti” sono stati nominati Laura Basilico con “Un manoscritto da non sprecare”, Bruna Franceschini con “Cattivi pensieri” e Rosanna Pirovano   con “Sono nata in un cortile”.

Tre i giovani, i finalisti della sezione “Under 30” sono Camilla Ambrosoli con “Con le mani e con il cuore. Antichi mestieri del lago di Como”, Silvia Montemurro  con “Cercami nel vento” e Giancarlo Picci con “Le figlie dello speziale”.

 

Infine, per la sezione fotografica “Quando l’immagine racconta ed emoziona”, sono stati selezionati Tomaso Corengia con “ Invecchiare insieme”, Daniela Lupi e Francesco Ruffoni con “Un battito d’ali”.

 

I finalisti sono stati selezionati da una giuria tecnica presieduta da Andrea Vitali e formata da Raffaella Castagnola, responsabile delle pagine culturali del Corriere del Ticino, dal poeta e critico Milo De Angelis, dallo scrittore e giornalista Emilio Magni, da Armando Massarenti, responsabile dell’inserto culturale domenicale de Il Sole 24 Ore, da Lorenzo Morandotti, responsabile delle pagine culturali del Corriere di Como, dal fotografo Carlo Pozzoni, dalla editor Laura Scarpelli e da Mario Schiani, responsabile delle pagine culturali del quotidiano La Provincia, affiancata da una nutrita selezione di lettori scelti che da inizio concorso hanno letto le opere.

Il Comitato d’Onore del Premio Città di Como 2016 è rappresentato dal magistrato e scrittore Giuseppe Battarino, da Giuseppe Colangelo, Pro Rettore dell’Università degli Studi dell’Insubria, da Mauro Frangi, Presidente della Fondazione Alessandro Volta di Como, dal poeta Giancarlo Majorino, da Barbara Minghetti, Presidente del Teatro Sociale di Como, da Corrado Passera, ministro comasco, e dal giornalista sportivo Bruno Pizzul.

 

I PREMI

I primi classificati riceveranno un premio in denaro: 1.500 euro per le sezioni Volume Edito di Poesia, Libro Edito di Narrativa e Saggistica; 1.000 euro per le sezioni Inediti di Poesia e Racconti del Territorio; 500 euro per le sezioni Giovani e “Quando l’immagine racconta ed emoziona”.

Avranno un ulteriore riconoscimento anche le opere prime: sarà conferito in particolare un premio di 1.000 euro alla memoria del professor Augusto Cirla all’opera prima di qualsiasi sezione in concorso ritenuta più meritevole dalla giuria. Saranno inoltre premiate altre opere prime per 1.000 euro e soggiorni offerti da alberghi del territorio.

Potranno essere assegnati premi speciali anche ai finalisti di componimenti provenienti da carceri scritti da detenuti a fini di riabilitazione.

A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione, potranno essere assegnati ulteriori premi in denaro ai secondi e terzi classificati, riconoscimenti e segnalazioni della giuria con diplomi e targhe, e soggiorni premio nei principali alberghi del territorio quali Hotel Terminus, Palace Hotel, Sheraton Lake Como Hotel, Hotel Metropole Suisse, Hotel Barchetta Excelsior.