CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Crisi Holcim, nuovo passo in avanti: si muove anche il Governatore Maroni foto

La crisi Holcim fa un nuovo passo in avanti. Presto dire che la soluzione finale è vicina, ma altro incontro importante in Regione. “Questa mattina in Commissione Attività Produttive si è tenuta l’audizione sul caso Holcim (Cementeria Merone), da me richiesta al presidente della Commissione Angelo Ciocca dopo l’annuncio da parte dell’azienda dei 73 licenziamenti. Azienda che nelle ultime ore – secondo le ultime notizie – si è resa disponibile al ricorso a un ammortizzatore sociale. Ritengo positiva l’affermazione dell’amministratore delegato Lucio Greco, che in Commissione oggi ha confermato che Holcim non lascerà l’Italia. Attraverso Arifl, Agenzia Regione Istruzione Formazione e Lavoro (presente il direttore generale Fulvio Matone), l’obiettivo di Regione Lombardia è affiancare lavoratori e parti sociali per individuare lo strumento più opportuno per la gestione di questa delicata situazione aziendale. Molto dipenderà dall’incontro fissato al Mise per il prossimo 5 luglio.

C’è grande preoccupazione per il futuro dell’azienda e dei 73 lavoratori. Anche per questo ho chiesto rendere partecipe della vicenda il presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni, oltre agli assessori competenti. Certo, la flessione del mercato pari al 60% (dato confermato dall’amministratore delegato) pesa sull’azienda e sul comparto. Regione Lombardia – d’intesa coi sindacati (presenti in commissione il segretario regionale della Fillea Cgil Roberto Comolli, a nome anche delle altre sigle sindacali e il sindaco di Merone, Giovanni Vanossi) – non lascerà nulla d’intentato per tutelare i lavoratori. La persona viene prima di tutto”. Così il consigliere regionale Francesco Dotti (Fratelli d’Italia) dopo l’audizione di oggi in Commissione Attività Produttive sul caso Holcim (presente per il territorio comasco in Commissione anche il consigliere segretario Daniela Maroni).