CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sulle orme del cugino: Federico Arnaboldi trionfa nel Trofeo Avvenire foto

Il 16enne canturino vince una finale mozzafiato e si pone all'attenzione di tutti. I complimenti di Andrea, la sua scheda.

Un grande successo sui campi di terra rosso del Tennis Club Ambrosiano: il 16enne promettente canturino Federico Arnaboldi, cugino del professionista Andrea, conquista il 52esimo Trofeo Avvenire dopo una grande finale con lo spagnolo Caldes.

Sotto di un set, Federico sale in cattedra nel secondo parziale riuscendo a trovare un po’ di tranquillità, qualche prima di servizio in più ed anche il bel gioco che lo ha portato fino alla finale. Poi l’epilogo del terzo e decisivo parziale: avanti prima 2-0, poi 4-2 e infine rimontato fino al 5-4 in favore del suo avversario. Ed è qui, sul suo servizio e sul 15-30, che Arnaboldi ha messo il primo mattoncino della sua vittoria. Un rovescio incrociato vincente e un’ottima volée bassa l’hanno catapultato fino al 5-5. Da lì tutto un crescendo fino al vincente tie-break: 3-6 6-3 7-6 il punteggio finale.

federico arnaboldi tennis

Grande soddisfazione per il neo vincitore del trofeo: “È stato bellissimo vincere qui, voglio ringraziare tutti, il pubblico, la mia famiglia, i miei vecchi maestri dell’Ambrosiano, Barbara Rossi in tribuna e Maurizio Riva”. E poi un pensiero per il cugino Andrea:”L’ho sentito mentre stava andando a giocare a Perugia. Mi ha fatto i complimenti per come ho giocato. Bello sentire i suoi consigli

Tabellone singolare maschile, finale

Arnaboldi (ITA) b. J. Caldes (ESP)  3-6 6-3 7-6(3)

LA SUA SCHEDA

Federico Arnaboldi è nato iL 18 giugno 2000. E’ il numero 191 delle classifiche Tennis Europe, ma può vantare un best ranking di n.30. Tesserato per il Tc Ambrosiano vive a Cantù. È il cugino di Andrea, giocatore professionista attualmente tra i Top 200 Atp ed è anche uno degli elementi più importanti delle Nazionali giovanili italiane. Si allena al Quanta Club di Milano con Maurizio Riva e Barbara Rossi