CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sette giorni fa la morte di Buonanno: solo una tragedia, martedì il funerale fotogallery

L'autopsia chiarisce la dinamica: l'europarlamentare sulla Pedemontana non indossava le cinture di sicurezza. Nessun complotto per eliminarlo.

Sette giorni fa – sotto una pioggia battente nel tratto di Pedemontana tra Mozzate e Solbiate – il tragico schianto e la morte dell’europarlamentare della Lega Nord Gianluca Buonanno, finito con la sua auto contro una ferma in corsia di emergena per un guasto. Una tragedia e nulla più. Nessun complotto per eliminare il politico, sindaco di Borgosesia come qualcuno in rete e sui sociale aveva ipotizzato. Niente giallo, solo una tragedia frutto forse di una disattenzione di troppo.

Del resto l’autopsia, svolta dalla Procura di Busto Arsizio per competenza territoriale, ha confermato il decesso per lo sfodnamento della cassa toracica dopo il violento impatto: probabilmente Buonanno non aveva le cinture di sicurezza allacciate al momento dello schianto e forse – altra ipotesi senza conferma diretta – si sarebbe distratto anche per rispondere al cellulare proprio in quell’attimo. Sotto la pioggia battente.

La compagna di Buonanno, intanto, ha lasciato l’ospedale dove è stata ricoverata in questi giorni: ferita nell’incidente costato la vita al compagno, ma senza tremende conseguenze. Ha confermato alla Polstrada che quando l’auto di Buonanno ha temponato quella che la precedeva lei stava dormendo sul sedile del passeggero.

Il funerale dell’europarlamentare della Lega Nord fissato per martedì pomeriggio nella chiesa di Serravalle Sesia. E domani pomeriggio a Borgosesia, in Comune dove era sindaco, camera ardente per l’ultimo saluto dei suoi concittadini.