CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Lunedì del Cinema: speciale 25 Aprile con “Il nemico – Un breviario partigiano”

Più informazioni su

Anniversario della Liberazione che viene celebrato anche al cinema. Per la rassegna Lunedì del Cinema allo Spazio Gloria di via Varesina, oggi 25 aprile, è in programma il film documentario “Il Nemico – Un breviario  partigiano” di  Federico Spinetti, regista, ma prima di tutto musicologo, è direttore di ricerca del Dipartimento di Etnomusicologia dell’Università di Colonia. La pellicola racconta storia e vita di una comunità musicale al lavoro su un progetto per il Settantesimo anniversario della Liberazione che cadeva nel 2015.

lunedi del cinema IL-NEMICO_locandina_schedaLab80Quanto è stereotipata, quanto è viva la parola “partigiano”? Massimo Zamboni, chitarrista e co-fondatore dei CSI, a quindici anni dallo scioglimento della storica band post-punk italiana vorrebbe riunire i membri attorno a un nuovo progetto commissionato dal Comune di Gualtieri, provincia di Reggio Emilia, sul tema partigiano, condividendo pensieri e canzoni.

Partendo dal proprio passato familiare, Zamboni viene a conoscenza di un episodio cruciale: il padre di sua madre era fascista e fu ucciso da un gruppo di partigiani nella campagna reggiana nel febbraio del ’44. Ciò innesca in Zamboni un processo di discesa non solo in una “questione privata”, ma in una riflessione più ampia.  Ancora più rilevante perché a esporla alla macchina da presa è un appartenente a una delle formazioni più radicali della scena italiana («Reggio Emilia è la città più rossa di tutte, non fare i conti con questo era impossibile», dice Zamboni ).

lunedi cinema nemicoSu proposta del regista Federico Spinetti i componenti del gruppo, Giorgio Canali, Gianni Maroccolo, Francesco Magnelli con la cantante Angela Baraldi e il batterista Simone Filippi oltre a Massimo Zamboni, si incontrano nella splendida cornice del teatro di Gualtieri. Massimo propone un testo da mettere in musica: “Il nemico”. Il film intreccia l’elaborazione musicale con la storia personale di Massimo Zamboni.  

Biografia, Storia e vita di una comunità musicale strettamente legata ai cambiamenti politici degli ultimi 30 anni si rincorrono così in un’alternanza bilanciata di performance, meditati monologhi in camera, ricostruzione di identità tramite archivi personali e istituzionali. Il paesaggio reggiano evoca, senza mai mostrarli, choc dimenticati ed esistenze sacrificate che chiedono di essere ricordate, capite, non strumentalizzate.  Intanto il film, simbolicamente e in forma di canzone, ha lasciato entrare in campo Il nemico. Un atto di apertura, un seme di senso che si spera germogli.

Un film musicale sulla Resistenza e le sue rappresentazioni. Prima del film introduzione di Fabio Cani e Alberto Cano.

Spazio Gloria – via Varesina 79 COMO

Lunedì 25 aprile – ore 21 

“IL NEMICO – Un breviario partigiano”

Regia: Federico Spinetti. Fotografia: Andrea Zanoli.Montaggio: Alberto Valtellina. Musica: Post Csi (Zamboni, Baraldi, Canali, Maroccolo, Magnelli, Filippi). Con: Massimo Zamboni, Angela Baraldi, Giorgio Canali, Gianni Maroccolo, Francesco Magnelli, Simone Filippi, Mirco Zanoni. Italia 2015. 80 minuti.

Serata in collaborazione con ANPI sezione di Como, Istituto Di Storia Contemporanea Pier Amato Perretta e Arci Xanadù.

Ingresso intero –> 7 euro – Ridotto –> 5 euro (Over 65, studenti)
Riservato ai soci ARCI

Note di Federico Spinetti
Che significato ha riallacciarsi nuovamente alla lotta partigiana per i musicisti oggi Post CSI? Quali urla, quali sussurri, quali intuizioni scaturiscono dal porsi anima e corpo di fronte alla storia? Quale forma di espressione artistica e musicale si fa veicolo del disagio e del conforto dell’oblio, e al contempo della necessità e della scomodità di un desiderio nitido e bruciante di continuità? Abbiamo lavorato sul continuo rimando tra storia e memoria, tra la Resistenza e le sue rappresentazio- ni, con l’obiettivo di evocare e smuovere, più che di dichiarare o persuadere. Seguire i Post CSI nella composizione del brano “Il Nemico” ha fornito un’ossatura importante del film. In un certo senso il loro lavoro è una metafora degli attriti tra diverse prospettive e sensibilità sul tema delle Resistenza e della possibilità, attraverso la fatica del confronto, di approdare ad una visione comune.

Federico Spinetti
Federico Spinetti è direttore di ricerca del Dipartimento di Etnomusicologia dell’Università di Colonia, ha condotto ricerche etnografiche in tutto il mondo. Ha diretto i film: “Zurkhaneh – The House of Strength”, “Music and Martial Arts of Iran” (2010/2014), “Le montagne si sollevano come piuma” (2013).

 

 

Più informazioni su