CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Setup: prepararsi al mondo del lavoro internazionale dopo il diploma

Più informazioni su

Preparare i giovani al mondo del lavoro con un occhio attento a quello che accade in ambito internazionale. E’ stato presentato questa mattina presso la Camera di Commercio di Como, Setup, il nuovo corso di formazione professionale post diploma focalizzato sull’imprenditorialità e lo sviluppo di nuove attività di impresa organizzato da Dedalo Onlus e APECEF (che conducono l’Istituto Orsoline di Como e il Colegio Santomas di Lisbona), i Parchi Scientifici Tecnologici e incubatori d’impresa ComoNExT di Lomazzo (Como) e Technopark di Gliwice in Polonia, insieme alla St. Joseph Foundation di Londra e alla scuola Aldo Moro di Bucarest.

Dedalo Onlus, Activity Leading Organisation, ha progettato il nuovo percorso allo scopo di favorire l’inserimento di giovani nel mondo del lavoro con qualifiche di alto livello, formando tre nuove figure professionali: lo startupper, l’innovation manager e il network manager.

Il progetto si inserisce nell’ambito del programma Erasmus + ed è finanziato dalla Commissione Europea, che lo ha selezionato tra 276 progetti pervenuti su “Key Action 2 – Partenariati strategici – Strategic Partnerships for vocational education and training” del Programma Erasmus Plus. Di tutti i progetti pervenuti, solo 24 sono stati ammessi, e questo è l’unico ad aver ottenuto un finanziamento triennale.

Il percorso post diploma sarà infatti organizzato per tre edizioni: la prima – della durata di 16 mesi – si terrà da ottobre 2016 a maggio 2018 e, per mantenere la qualità del percorso e raggiungere gli obiettivi riconosciuti dalla Comunità Europea, coinvolgerà 15 partecipanti italiani, 15 portoghesi e 10 polacchi, per un totale di 40 studenti. Ognuno dei due anni accademici prevede 6 mesi di didattica e due di stage.

“Il percorso di formazione Setup intende sviluppare apertura e conoscenze sostenute dall’incontro e dallo scambio di esperienze internazionali, immersione nelle aziende innovative del sistema economico europeo, valorizzazione delle inclinazioni imprenditoriali nel paragone con i bisogni dell’impresa per una occupazione elevata – commenta Alfonso Corbella, Presidente di Dedalo Onlus Activity Leading Organisation -. Sono tutti fattori decisivi per la costruzione del futuro dei giovani europei e per la competitività delle imprese”.

Durante l’incontro sono stati presentati i dati di una ricerca sui bisogni delle imprese europee di figure professionali come startupper, innovation manager e network manager: i risultati della ricerca evidenziano l’assenza nel Sistema formativo polacco, italiano e portoghese di corsi dedicati all’imprenditorialità per la fascia di studenti in uscita dalle superiori. I corsi su questi temi hanno una connotazione molto teorica (assenza di parte pratica e esercitazioni) e sono erogati solo a livello universitario e post universitario. Emerge dunque la necessità di creare nuove figure professionali che siano in grado di individuare nuovi trend e tecnologie, creare e gestire reti, gestire budget di progetto e avere abilità in open innovation. Dai risultati della ricerca emerge che i partecipanti del corso “Startupper, innovation manager, network manager: a vocational training path on entrepreneurship to fill the gap between educational system and labour market” potrebbero facilmente trovare occupazione a seguito del percorso.

“Si tratta di un’iniziativa importante per preparare al mondo del lavoro dopo il diploma – ha aggiunto Ambrogio Taborelli, presidente della Camera di Commercio -. Molto interessante il fatto che partecipano ragazzi di tre nazioni, siamo cittadini d’Europa e dobbiamo iniziare a ragionare in chiave internazionale”.

Il nuovo corso post diploma

Il percorso post diploma nasce dalla volontà di individuare, fare crescere e sviluppare le doti di imprenditorialità degli studenti e creare figure professionali in grado di inserirsi nei moderni contesti aziendali europei. La collaborazione tra enti educativi e incubatori d’impresa assicura la sinergia tra i bisogni delle imprese e le inclinazioni dei giovai così da realizzare il collocamento lavorativo per i partecipanti al progetto.

Il corso è rivolto a chi ha ottenuto il diploma di scuola superiore e utilizzerà modalità diversificate di conoscenza: un terzo dell’attività viene realizzata in aula in ognuno dei tre Paesi, un terzo on-line su piattaforma dedicata, un terzo di immersione in azienda. Nel percorso si farà uso di metodi innovativi: learning by doing, project work, business game, role playing, outdoor training, teatro d’impresa e improvvisazione teatrale, brain storming e problem solving.

Una parte del corso è comune e dedicata allo sviluppo delle qualità imprenditoriali degli allievi mentre una parte è specifica per ognuna delle tre figure professionali (startupper, innovation manager e network manager), che verranno formate attraverso metodi e modalità di apprendimento che alterneranno aula e “immersione” imprenditoriale.

Durante e al termine del corso per gli studenti sono previsti inserimenti lavorativi nelle aziende, sia nel proprio Paese sia negli altri Paesi che partecipano al progetto, e un periodo di blended mobility all’estero. Il corso è infatti caratterizzato da un forte collegamento con il mondo delle imprese attraverso visite aziendali, testimonianze, stage, simulazione della creazione di una start up e di un network internazionale di relazioni, per favorire l’accesso degli studenti nel mondo del lavoro. Rispetto ai percorsi universitari, quindi, questo percorso post diploma si caratterizza per l’innovativo orientamento operativo volto a favorire l’inserimento lavorativo dei giovani nel mercato del lavoro europeo.

Più informazioni su