CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Bollettini Tari in arrivo nelle case di Como: tariffe in calo per le famiglie

E’ iniziato in questi giorni il recapito degli avvisi di pagamento della Tari 2016 del comune di Como (tariffa per la gestione del servizio rifiuti): in tutto gli avvisi sono 43566. Da quest’anno, i contribuenti, che avevano preventivamente comunicato all’ufficio il proprio indirizzo di posta elettronica, riceveranno i documenti anche via mail (ad oggi sono 3819 soggetti). L’indirizzo mail potrà essere comunicato all’ufficio Tributi scrivendo a bancadati.tari@comune.como.it; a questo stesso indirizzo si potranno comunicare eventualmente anche i propri dati catastali.

“L’obiettivo è potenziare gli strumenti che la tecnologia oggi ci mette a disposizione per agevolare il più possibile gli adempimenti dei cittadini ed evitare inutili code – spiega l’assessore alle Politiche Finanziarie e Tributarie Paolo Frisoni – Il prossimo passo potrebbe essere quello di consentire ai contribuenti di accedere direttamente alla propria posizione Tari attraverso una password personale ed è un’ipotesi cui gli uffici stanno già lavorando”. Il ruolo della Tari 2016, comprensivo sia della quota del 5% di competenza dell’amministrazione provinciale sia dell’importo riferito ai contribuenti esenti, è risultato di complessivi 13.989.872,46 euro.

Le scadenze di pagamento, come previsto dal regolamento, sono le seguenti: 1° rata 16 maggio 2016, 2° rata 16 novembre 2016. Per il pagamento in un’unica soluzione il termine è fissato al 16 giugno 2016.

Per il 2016 le tariffe Tari a carico delle famiglie e delle attività commerciali saranno in diminuzione. I costi di smaltimento dei rifiuti e quelli legati al forno inceneritore sono stati inferiori rispetto al 2015 e di conseguenza, trattandosi di un servizio che si paga con la ripartizione dei suoi costi, le tariffe saranno inferiori. Per quanto riguarda le famiglie, le tariffe saranno in diminuzione in percentuali comprese tra l’1,50% e il 2,50% a seconda del numero dei componenti e dei metri quadrati dell’abitazione.