CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como Classica: il pianista Roberto Prosseda racconta l’esperienza di “Donatori di musica”

Più informazioni su

Il secondo appuntamento della quarta Stagione di Como Classica– musica per tutti, si aprirà con un evento davvero speciale. Domenica 17 aprile alle ore 18 presso la Sala Bianca del  Teatro Sociale di Como, il musicista  Roberto Prosseda, presenterà   il libro “Donatori di musica” (Edizioni Curci) che racconta la storia e le attività dell’omonima associazione: una rete di volontari, medici, musicisti e pazienti che dal 2009 porta la grande musica nei reparti di Oncologia di tantissimi ospedali italiani.

L’autore e musicista,  co-fondatore del progetto , racconterà, anche attraverso la sua musica, com’è nata l’idea e come è stato possibile realizzarla.

La musica quale terapia che attraverso l’emozione e la partecipazione alla sua auscultazione, può davvero gettare un fascio di luce salvifica, per chi è costretto a vivere suo malgrado, il calvario di malattie invalidanti. Le corsie degli ospedali  attraverso i donatori di musica divengono vere e proprie sale concertistiche, captando  l’attenzione emotiva ed appunto donando un barlume di felicità.

Il progetto da subito è stato accolto entusiasticamente, riuscendo ad accogliere  le adesioni di medici e musicisti da tutta Italia.

Un numero davvero considerevole di musicisti, infatti, aderiscono al Manifesto dell’Associazione e si impegnano ogni anno per regalare almeno un concerto.

Tra questi musicisti molti i nomi illustri, nonché esponenti dei più diversi generi musicali: Stefano Bollani, Enrico Dindo, Bruno Canino, Renzo Arbore, Enrico Ruggeri, Andrea Bocelli, Elio delle Storie Tese, Roberto Prosseda, solo per citarne alcuni. E con loro medici, pazienti, infermieri, volontari: tutti insieme alleati nel sentimento più nobile di ogni uomo, l’amore per la vita.

Appunto l’amore per la vita, che è dono prezioso che  ognuno di noi deve  rispettare e preservare, anche attraverso una lotta magari impari contro una malattia contro cui sembrerebbe inutile opporsi e lottare.

Il libro racconta come l’esperienza emotiva e umana dell’ascolto della musica dal vivo sia un diritto di tutti, e in particolare di chi si trova ad affrontare situazioni critiche, una storia unica ed emozionante

Oltre a raccontare questa bellissima esperienza, durante l’incontro Roberto Prosseda eseguirà anche le musiche di Felix Mendelssohn (4 Lieder ohne Worte Variations sérieuses, Fantasia op. 28) e di Fryderyk Chopin (Notturni op. 9 n. 1 e 2, Ballata op. 52).

L’organizzazione dell’incontro è in collaborazione con Edizioni Curci e le royalties del libro verranno interamente devolute all’associazione.

L’ingresso è gratuito ma riservato ai soci che hanno sottoscritto o sottoscriveranno la tessera annuale al costo di 20 euro. È possibile associarsi a Como Classica prima dell’inizio degli eventi della stagione; per ulteriori informazioni su come e dove è possibile sottoscrivere la tessera scrivere a comoclassica@gmail.com.

 

Roberto-Prosseda-ph-Paolo-Cabalisti-300x225

Roberto Prosseda ha guadagnato una notorietà internazionale come pianista classico in seguito alle incisioni Decca dedicate alla musica pianistica di Felix Mendelssohn. È vincitore di numerosi premi discografici, dal 2005 suona regolarmente con alcune delle più importanti orchestre del mondo e in Italia è ospite dei maggiori Enti concertistici, tra cui l’Accademia di Santa Cecilia, il Teatro alla Scala, l’Unione Musicale di Torino e il Teatro la Fenice.

Oltre a Mendelssohn, Prosseda è apprezzato nelle interpretazioni di Mozart, Schubert, Schumann e Chopin ed è attivo anche nella promozione della musica contemporanea.

Roberto Prosseda si occupa anche di ricerca e divulgazione musicale. È co-autore di tre documentari, dedicati a Mendelssohn, Chopin e Liszt, con la regia di Angelo Bozzolini, prodotti da RAI Educational. Ha curato numerosi cicli radiofonici per Radio Vaticana e Radiotre (tra cui quello su Aldo Clementi) ed è autore del volume “Guida all’ascolto della musica pianistica” (Curci, 2012). Nel 2012 ha ideato un nuovo format di lezione-concerto sui principi espressivi dell’interpretazione pianistica, in cui dialoga e si confronta con il robot-pianista Teo Tronico. È presidente dell’Associazione Mendelssohn Italia, consulente artistico di Cremona Musica International Exhibitions e del Montebello Festival di Bellinzona, co-fondatore e direttore artistico dell’Associazione di volontariato “Donatori di Musica”.

Per informazioni:

comoclassica@gmail.com

Più informazioni su