CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Furto in casa a Rovellasca, poi aggrediscono il nonno davanti al nipote: presi

Furto in casa a Rovellasca: i carabinieri di Turate hanno tratto in arresto tre persone di etnia rom, sorpresi ieri sera a rubare in un’abitazione di via IV Novembre. La pattuglia di militari stava svolgendo un servizio di controllo del territorio quando veniva contattata da un residente della citata via che aveva visto un movimento sospetto di una Renault Megane mai notata prima nella sua zona. In poco tempo i Carabinieri giungevano sul posto e, rintracciata l’autovettura, constatavano che i tre occupanti stavano tentando di fuggire da un’abitazione poco distante. Venivano quindi bloccati e perquisiti. Poi arrestati
stazzona
LA RICOSTRUZIONE
Due dei tre malviventi si erano poco prima introdotti all’interno di una villetta dopo aver forzato la finestra della camera da letto. All’interno di quell’abitazione durante l’azione criminale, al piano superiore, si trovava un uomo di 65 anni con il proprio nipotino di otto anni, lasciato al nonno dai genitori per la serata. Sentendo dei rumori al piano inferiore, entrato nella camera da letto, la vittima sorprendeva i due ladri mentre stavano mettendo a soqquadro la stanza alla ricerca di preziosi da rubare. I malviventi per riuscire a fuggire, abbandonavano quanto rubato, spintonavano il proprietario di casa e lo colpivano alla gambe con la parte di un mobiletto che uno dei due aveva tra le mani. Scappati dalla stessa finestra dalla quale erano in precedenza entrati, scavalcavano la recinzione e attraversavano un campo raggiungendo una via parallela dove ad attenderli vi era una donna complice, che li prelevava.
Tratti in arresto, risponderanno del reato del concorso in tentata rapina aggravata dall’aver commesso il fatto in più persone, all’interno di privata abitazione e in danno di persona anziana. La vittima non riportava alcuna ferita. I tre venivano identificati con il fotosegnalamento
Sanz Antony, italiano cl.1993, residente Brugherio (MI);
Jankovik Lella, bosniaca cl.1990, residente Brugherio;
Toselli Sabrina (AUTISTA), italiana cl.1982, residente Corbetta (MI), asseritamente al primo mese dello stato di gravidanza;

Sono tutti già noti: ora sono in carcere in attesa delle decisioni della procura di Como, subito informata dell’accaduto.