CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

#effettoparini non riesce stavolta, Cassa Rurale fuori dai play-off a testa alta (foto)

#effettoparini non riesce. Per il secondo anno consecutivo il cammino della Cassa Rurale ai play-off promozione in A1 di volley maschile finisce a gara-2 dei quarti. Troppo forte questa Tonno Callipo Vibo Valentia per i ragazzi di Coach Della Rosa. Il match di stasera al Parini ha visto la squadra di casa lottare fino alla fine, ma il match è stato a senso unico.

monguzzi si oppone attacco vibo

La partita è intensa e spettacolare fin dai primi punti, con la Libertas che si porta subito avanti 4-1, aiutata anche da due errori in attacco del capitano calabrese Casoli. In un attimo, però, con due muri e un ace di Michalovic, la Tonno Callipo pareggia (4-4). Tiozzo e Preti rimandano avanti la Cassa Rurale (6-4), ma un ispirato Michalovic e un errore in attacco di Monguzzi rimettono le due squadre in parità (7-7). Nessuna delle due squadre molla, e il ritmo di gioco si mantiene elevato, con entrambe le formazioni che lottano punto su punto. Si va alla pausa tecnica con Cantù avanti 12-11. Al rientro in campo, la Libertas riesce prendere due punti di vantaggio con il turno in battuta di capitan Gerosa (14-12). Un attacco di Krolis sancisce il +3 (17-14), e Coach Mastrangelo ferma il gioco. La Tonno Callipo si rifà sotto (18-17). Un attacco out di Michalovic e i canturini sono di nuovo a +3 (21-18). Un muro di Maccarone su Krolis, e Vibo si riavvicina pericolosamente (23-22), quindi Coach Della Rosa chiama time-out. Un attacco e un ace di Vedovotto portano i calabresi al pareggio e a il set ai vantaggi. Un bell’attacco in pipe di Tiozzo porta il pallino dalla parte di Cantù (25-24), e Coach Mastrangelo chiama il suo secondo time-out discrezionale. Al rientro Krolis sbaglia la battuta, ma Preti riporta avanti i suoi. Casoli pareggia da zona 4, ma Michalovic spreca pestando in battuta. È di nuovo Casoli a riportare i suoi a pari, Presta mura Monguzzi per il primo vantaggio esterno, ma Coach Della Rosa ferma tutto. Al rientro in capo, il muro di Presta su Tiozzo chiude il set a favore dei calabresi (27-29).

muro robbiati gerosa cantù
Il secondo set parte male per la Libertas. Le battute di Vedovotto e Michalovic fanno male, e la Tonno Callipo vola subito 1-4. La Cassa Rurale non accusa il colpo, e sul turno in battuta di Robbiati pareggia (4-4). Un po’ di confusione nel campo della Libertas, Vibo è brava ad approfittarne, e a portarsi sul +2 (5-7). Si prosegue con le due squadre che lottano su ogni pallone, e nessuna delle due ha intenzione di mollare. Con il muro di Pinelli su Tiozzo si va al time-out tecnico con gli ospiti sul +3 (9-12). Due ace consecutivi di Michalovic costringono Coach Della Rosa a chiamare il suo primo time-out discrezionale con gli ospiti avanti di 5 (9-14). Un muro di Casoli sulla pipe di Preti e Vibo ha il massimo vantaggio (9-15). Cantù riesce a recuperare due punti (12-16), ma Vedovotto e Maccarone ricacciano indietro gli avversari (12-18). Un altro attacco dello schiacciatore veneto della Tonno Callipo e Vibo vola sul +7 (13-20), e Coach Della Rosa chiama il suo secondo time-out discrezionale. Al rientro la Libertas non riesce a mettere in difficoltà gli avversari, che aumentano ancora il vantaggio (15-23). Nel finale di set Groppi entra per Gerosa zoppicante, e qualche punto viene recuperato ancora (18-23). Casoli regala ai suoi il set con due attacchi consecutivi (18-25).

alzata di gerosa playoff cantù
Nel terzo set Gerosa ci prova, ma dopo pochi punti è costretto ad arrendersi. Entra Michele Groppi al suo posto (4-5). Si prosegue con le due squadre punto a punto, è Vibo a piazzare il primo mini-break (7-9), ma Robbiati mette a terra la veloce del pareggio (9-9), e Preti l’ace del sorpasso canturino (10-9). Coach Mastrangelo chiama il suo primo time-out discrezionale. Due errori in attacco degli schiacciatori brianzoli, ed è contro-sorpasso calabrese (10-11). Si va al time-out tecnico con la Tonno Callipo avanti (11-12). Casoli centra Krolis in battuta e Vibo va sul +3 (11-14). Un’invasione aerea di Groppi e il vantaggio ospite aumenta ancora (13-17), con Coach Della Rosa a chiamare il suo primo time-out discrezionale. Si prosegue con le due squadre che ribattono punto su punto. Coach Della Rosa chiama il suo secondo time-out discreionale sul 17-22, dopo un attacco fuori di Tiozzo. Una battuta out dello schiacciatore veneto della Libertas consegna il primo set point agli ospiti, che chiudono alla prima occasione con una veloce di Maccarone (19-25).

attacco krolis
Queste le parole di Coach Della Rosa a fine gara: “Primo set giocato bene, alla pari. Alla fine è emersa ancora una volta la qualità e l’esperienza di Vibo. Un ottimo primo set per noi, abbiamo avuto qualche amnesia nei punti finali nelle posizioni difensive, qualche errore che è costato il set. Poi Vibo è cresciuta in sicurezza, ha attaccato meglio nel secondo set e noi abbiamo fatto meno bene il lavoro a muro. Poi si è fatto male il nostro palleggiatore. Purtroppo noi avevamo il secondo palleggiatore fermo da 10 giorni e quindi eravamo un po’ in difficoltà. Groppi ha fatto bene, stringendo i denti, e pur non potendo saltare ha fatto le sue buone cose, però è chiaro che in queste condizioni vincere contro Vibo è molto difficile. Credo che nel complesso non abbiamo sfigurato in questa serie. C’è il rammarico di aver perso gara-1 da loro, dove eravamo avanti 2-1 e 12-6 nel quarto set. Però anche in quel momento è emersa la qualità e l’esperienza di Vibo.”

cassa rurale vibo

CASSA RURALE CANTU’ 0
TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA 3
(27-29, 18-25, 19-25)
CASSA RURALE CANTU’: Gerosa, Krolis 15, Preti 9, Tiozzo 13, Monguzzi 4, Robbiati 6, Rudi (L1), Groppi. NE: Riva, Cominetti, Gaggini, Mazza, Molteni, Butti (L2). All: Dellla Rosa, Ass: Redaelli.
TONNO CALLIPO CALABRIA VIBO VALENTIA:  Pinelli 1, Michalovic 18, Casoli 14, Vedovotto 11, Maccarone 6, Presta 4, Marra (L1), Verissimo. NE: Korniienko, Ferraro, Corrado, Sardanelli. All: Mastrangelo, Ass: Valentini
Arbitri: Elisa Fretta di Torino e Maurina Sessolo.