CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Bus fuori strada in Catalogna (video): chi sono le vittime italiane, paura per una comasca

Bus fuori strada –  Francesca Bonello; Elisa Valent; Valentina Gallo; Elena Maestrini; Lucrezia Borghi; Serena Saracino; Elisa Scarascia Mugnozza: sono tutte ragazze toscane, di Genova, una di Roma ed un’altra di Gemona in Friuli. Non ci sono comasche tra di loro. Sono loro le 7 studentesse italiane dell’Erasmus che hanno perso la vita nel tragico schianto del bus in Catalogna. Le giovani rientravano da Valencia dove avevano partecipato alla notte dei fuochi della celebre Fiesta de las Fallas.
“Dai riscontri incrociati sono 7 le vittime italiane, verosimilmente” perchè bisogna “attendere l’identificazione” per avere la “certezza piena”, ha affermato il capo dell’unità di crisi della Farnesina, Claudio Taffuri, parlando ai giornalisti oggi. I feriti, ha aggiunto, “sono 6 di cui due già dimessi e due seri”. L’ambasciatore italiano in Spagna Stefano Sannino ha poi fornito ulteriori chiarimenti sullo stato dei feriti: quattro ragazzi italiani sono ancora ricoverati in Catalogna, uno dei quali “in condizioni più complesse” ma i medici escludono rischi per la loro vita. Sono “in condizioni stabili” e ricoverati negli ospedali di Tortosa, Reus, Tarragona e Barcellona.

federica ronga olgiateCome detto, non ci sarebbero ragazze lariane tra le vittime, nè tantomeno tra i feriti di questo tragico incidente. Il condizionale, però, resta d’obbligo vista la complessa situazione di assoluta emergenza di queste ore. Almeno una ragazza comasca – Federica Ronga, 25 anni di Olgiate (foto a lato) – è miracolosamente scampata al dramma del pullman rovesciato con il suo carico di morte. Era su un altro mezzo, partito poco prima da Valencia. Federica, istruttrice di una palestra di Olgiate, è in Spagna per uno stage di qualche mese. I suoi parenti, sapendola a Barcellona, quando hanno saputo la notizia si sono subito messi in contatto con lei. Da Federica arrivate ampie rassicurazioni sul suo stato di salute.