CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Una comasca verso l’Isis, ora si indaga per terrorismo internazionale

Isis, ora si indaga per terrorismo internazionale. La Procura di Milano ha deciso di aprire una inchiesta sul caso della famiglia brianzola di Bulciago (a cavallo tra Lecco e Como), padre di origini marocchine, madre italiana convertita all’islam e tre bimbi, scomparsi ormai da diversi mesi senza lasciare traccia. Secondo indiscrezioni riportate dall’Ansa, i magistrati dell’antiterrorismo guidati dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli sospettano che i due genitori si siano uniti alla schiera dei Foreign Fighter in Siria per combattere a fianco dell’Isis. Le indagini sono state affidate ai carabinieri del Ros di Milano.

allarne terrorismo sul Lario

La protagonista è la comasca Alice Brignoli, 39 anni, originaria di Inverigo che ha cambiato il nome in Aisha: con lei è scomparso anche il marito 31enne Mohamed Koraichi, nato in Marocco. A denunciare la loro scomparsa nel maggio scorso è stata la madre di Alice-Aisha, Fabienne Schirru. La donna è fortemente preoccupata per i suoi tre nipoti dei quali non si sa nulla da mesi ormai.

LA LEGA CHIEDE SPIEGAZIONI AL GOVERNO

festa del sacrificio“E’ grave e vergognoso quanto sta accadendo. Alice Brignoli, classe 77 cittadina italiana comasca convertita all’islam radicale e trasferita in Siria a fiancheggiare e a combattere per il califfato islamico, è solo l’ultimo caso di quanto il terrorismo islamico ora risiede in casa nostra, nella provincia comasca. Abbiamo il terrorismo in casa e il Governo continua ad aprire le porte del paese a clandestini senza identità e a possibili terroristi, taglia soldi alle forze dell’ordine, garantisce impunità e salvacondotti a criminali.  È una follia, un fatto gravissimo per la sicurezza della provincia di Como, nonostante l’allarme più volte da noi denunciato nel disinteresse totale del Governo di Roma”. A dirlo il parlamentare della Lega Nord Nicvola Molteni che oggi ha presentato un’interrogazione al governo per avere ulteriori elementi di chiarezza su questo ennesimo caso di presenza del terrorismo islamico nel comasco