CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Piazza Grimoldi: mercoledì incontro con progettisti e storici

Più informazioni su

Per illustrare la proposta progettuale di riqualificazione, che è in corso di definizione e tracciare le prime considerazioni sui reperti rinvenuti in piazza Grimoldi, mercoledì 16 marzo alle ore 18 nella chiesa di San Giacomo si terrà un incontro pubblico. Interverranno, tra gli altri, i progettisti, la Soprintendenza Archeologia della Lombardia, la Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Milano, Marcello Cariboni, l’archeologo della ditta Archeogeo che ha eseguito gli scavi e lo storico dell’arte Alberto Rovi. Nel sottosuolo di piazza Grimoldi sono riemersi l’originario “perimetro” dell’antica facciata della chiesa di San Giacomo, demolita alla fine del XVI secolo e sostanzialmente cancellata alla vista all’inizio del Novecento. Sono ben visibili, in particolare, due strutture poste ai lati, probabilmente le basi di due campanili, la cui effettiva presenza è da sempre stata oggetto di dibattito. Nel corso dell’incontro, a cui interverranno anche il sindaco Mario Lucini e gli assessori Daniela Gerosa e Lorenzo Spallino, sarà spiegato come potranno proseguire i lavori di riqualificazione della piazza e come saranno conservati i reperti rinvenuti. Nella giornata di sabato 19 marzo dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18 il cantiere e gli scavi saranno aperti al pubblico. Nicoletta Cecchini e Lucia Mordeglia, funzionari della Soprintendenza Archeologia che hanno diretto gli scavi, l’archeologo Marcello Cariboni e con il supporto della Società Archeologica Comense, cureranno le visite guidate che saranno scaglionate ogni venti minuti a partire dalle 10 e con l’ultima visita del mattino alle 12.40 e quella del pomeriggio alle 17.40. In cantiere potranno entrare non più di venti persone e per meglio organizzare le visite è consigliata la prenotazione da effettuarsi via mail all’indirizzo comunico.eventi@comune.como.it oppure per telefono (dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 10) al numero 031/252338.

Più informazioni su