CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Aree vaste: a Villa Gallia un incontro per progettare il futuro territoriale

Più informazioni su

Un’area Vasta del territorio pedemontano che racchiuda in sé gli attuali territori delle Province di Como, Lecco e Varese e che, con poteri effettivi, possa efficacemente rappresentare questo comprensorio. È questa l’idea espresso dai rappresentanti delle realtà economiche e sindacali comaschi circa il futuro amministrativo locale (da raggiungere al termine del percorso di riforma che porterà alla cancellazione delle Amministrazioni Provinciali) davanti alla  platea di amministratori e rappresentanti del Partito Democratico, locali e regionali, presenti a Villa Gallia per un incontro di riflessione e condivisione promosso dalla Segreteria Provinciale di Como del PD ed inserito nelle iniziative di “Verso Lombardia 2018”.

“Recentemente l’Assemblea Provinciale ha elaborato un documento che ribadisce la necessità di salvaguardare l’unità territoriale del lago di Como – ha rilevato il Segretario Provinciale del Pd, Angelo Orsenigo -. Credo che si debba partire da questo fatto, ovvero da un lago unito, per poi guardare alla sua naturale evoluzione, ovvero al lecchese, nel percorso di revisione amministrativa del nostro territorio una volta cancellate la Province”.

A Como  presente anche il Segretario Regionale del Pd, Alessandro Alfieri: “Ritengo che debba aprirsi in Lombardia una stagione di riforma complessiva del territorio regionale fondata sulle Aree Vaste, enti intermedi tra Comuni e Regione. Certo, occorre ancora capire quali saranno le funzioni di questi nuovi enti e dialogare in proposito con la Regione affinché, soprattutto nella loro definizione territoriale, si prendano in considerazione le peculiarità delle diverse aree interessate e non ci si intestardisca sui modelli di riforma già in atto e fortemente criticate come quello sanitario. La riforma, invece, deve essere coordinata ed in sintonia con le altre evoluzioni che stanno per diventare realtà, dalle Prefetture alle Camere di Commercio “.

“La riforma non è un mero  passaggio burocratico di confini ma deve essere intesa come un ridisegno istituzionale a livello locale – ha puntualizzato l’On. Mauro Guerra -. Il risultato di questo lavoro deve essere quello di assicurare maggiore competitività ed efficienza ai nostri territori, dotando innanzitutto di maggiori poteri i comuni e favorendo una maggiore trasparenza i  termini di competenze ed opportunità”.

I rappresentanti istituzionali di Como e Lecco (Maria Rita Livio, Provincia di Como; Mario Lucini, sindaco di Como; Giovanni Marchisio, sindaco di Mariano Comense; Anna Mazzoleni, assessore al Comune di Lecco e Consigliere Provinciale lecchese; Paolo Furgoni, sindaco di Cernobbio; Alberto Gaffuri, sindaco di Albese con Cassano) hanno ribadito la necessità per il comprensorio comasco di dar vita ad un  ente intermedio che coinvolga innanzitutto l’area lecchese, e poi quella varesina, in una futura area vasta che tuteli l’integrità del lago anche se al centro del dibattito, confini a parte, devono essere le messe le competenze ed i poteri che verranno demandata a questa nuova realtà. “La Lega Nord per anni ha affermato che era più che mai necessario difendere la virtuosità delle Province lombarde – è il commento del consigliere regionale Luca Gaffuri-. Poi, dall’oggi a domani, è cominciata un’opera di rafforzamento di alcune zone particolari, come la provincia di Varese e la Valtellina, e la contemporanea frammentazione degli altri. Occorre fare chiarezza in proposito e questo è il periodo sicuramente più idoneo per manifestare il nostro pensiero ovvero che il territorio comasco non è disposto ad essere frazionato”.

Le conclusioni dell’incontro sono state affidare a Enrico Brambilla,  capogruppo del Pd in Consiglio Regionale: “Regione Lombardia ora dovrà legiferare su confini e competenze delle diverse Aree Vaste anche se il ruolo principale della riforma sarà quello di accrescere le competenze dei Comuni e della Regione. Il nostro obiettivo è ora quello di ‘congelare’ la questione confini di questi nuovi soggetti, anche se le proposte del Presidente Marconi non sono affatto condivisibili, per soffermarci invece sulle loro competenze che, essendo enti di secondo livello, auspichiamo saranno poche e chiare. Altrimenti il rischio è quello di vedere la nascita di nuovi enti a carattere verticale, privi di ogni guida di tipo democratico, e soggetti inoltre al potere ed all’influenza, anche ingombrante, della città metropolitana di Milano”.

Più informazioni su