CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Incontri, mostre e musica: tante le iniziative per l’8 marzo (IL DETTAGLIO)

Nel 1975 le Nazione Unite hanno deciso di far diventare l’8 marzo “il giorno delle donne”, in cui ogni anno i movimenti femministi di tutto il mondo manifestano per celebrare le conquiste politiche, sociali ed economiche delle donne e per ricordare tutte le discriminazioni e le violenze subite da loro nel corso della storia. Come ogni anno enti, associazioni e altre realtà del territorio organizzano eventi in occasione di questa giornata.

Il Comune di Como ha collaborato con numerose associazioni per l’organizzazione di eventi dedicati alla Giornata mondiale della donna. Il vicesindaco Silvia Magni, assessore alle Pari Opportunità, ha affermato che nonostante i progressi ottenuti “ancora oggi i diritti delle donne sono troppo spesso non rispettati”. L’obiettivo di questi eventi è offrire spunti di riflessione dal punto di vista storico, artistico, culturale sul tema centrale della donna.

La Biblioteca comunale di Como ha deciso di dedicare un ampio spazio per due mostre espositive: dal 4 al 31 marzo, al primo piano troverete una mostra bibliografica dal titolo Scrivere per la parità: narrativa e saggistica femminile tra Otto e Novecento. Lo spazio espositivo è aperto da lunedì a venerdì dalle 9:30 alle 19, e sabato dalle 14 alle 19. Ingresso gratuito.

Sempre nello stesso periodo, a piano terra, invece, troverete una mostra fotografica interessante a cura dell’Associazione Donne Giuriste Italiane (sezione di Como). Ingresso libero e gratuito da lunedì a venerdì dalle 9:30 alle 19 e sabato dalle 14 alle 19.

Domani in biblioteca, dalle 9.30 alle 12, un incontro sulle iniziative promosse per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne, riservato alle classi seconde e terze degli istituti superiori. A cura della Polizia di Stato e Telefono Donna.

Alle ore 11:30, invece, presso la Casa Circondariale di Como, si terrà un concerto musicale di quartetti d’archi come omaggio alle detenute e dipendenti della Casa Circondariale.

Sempre domani, martedì 8 marzo, alle ore 17:30 avrà luogo una visita guidata a cura dei Musei Civici nel Museo Archeologico e Storico in piazza Medaglie d’Oro 1. Per gli appassionati d’arte e non, è un’ottima occasione per immergersi in una mostra che farà vedere la figura femminile nelle collezioni del Museo Archeologico. Ingresso libero e gratuito.

In occasione della Festa della donna, la onlus Comocuore proporrà un pomeriggio intitolato “Donna Barbie?” e dedicato alla storia della famosa bambola divenuto simbolo e veicolo di un certo modello femminile dal 1959 fino ad oggi. L’iniziativa – in collaborazione con Girovagando – vuole essere un momento per riflettere assieme sull’idea di donna nella società consumistica e, insieme, l’occasione per rendere omaggio alle donne che fanno della vita di tutti i giorni il loro stato esistenziale. L’incontro avrà inizio alle ore 18 nella sede di Comocuore in via Rovelli e prevede una relazione sul tema a cura di Valentina Binda.

Cisl e Porgetto San Francesco hanno orgnizzato “Io ho scelto di essere…”. L’iniziativa si terrà dalle 15 alle 18 presso la sede cermenatese del Centro Studi Sociali contro le mafie Progetto San Francesco di via Di Vittorio, 10. Il bene confiscato, sede del Centro studi, come è noto, è stato recentemente al centro delle cronache, poiché, da quanto è emerso da intercettazioni ambientali dell’indagine che si è appena conclusa sulla ‘ndrangheta in Lombardia, rappresentava un obiettivo di un attentato da parte della criminalità organizzata.

Alla luce di questi eventi, Cisl dei Laghi e Progetto San Francesco hanno deciso di organizzare proprio nella villetta di via Di Vittorio l’iniziativa per la giornata della donna, in cui Dolores Longhi intervisterà alcune donne che si sono distinte negli ambiti più diversi: Serena Costantini, imprenditrice comasca; Elena Tambini, giornalista ed ex arbitro di calcio, Chiara Braga, parlamentare eletta per la Provincia di Como e Maria Ferla, agente di polizia.

In questa occasione, Chiara, Giorgia, Giulia e Letizia, educatrici del doposcuola che si tiene presso la villetta, presenteranno le attività di doposcuola che vengono svolte in quella sede nell’ambito del progetto “Studiamo Insieme”.