CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Giornata della donna, Braga e Guerra: “Certe battaglie necessitano di riconferme”

Più informazioni su

“Domani ricorre la Giornata Internazionale della Donna e, come parlamentari vorremmo cogliere quest’occasione per fare il punto sul cammino ancora troppo tortuoso verso le pari opportunità tra uomo e donna, e soprattutto per far conoscere le conquiste ottenute in Italia, anche a partire dalla volontà e dall’impegno del PD, per far crescere la cultura del rispetto della diversità, della tutela della maternità, della lotta alla violenza sessuale”. Lo dichiarano i deputati comaschi del Partito Democratico, Chiara Braga e Mauro Guerra nel giorno in cui tutto il mondo celebra la Festa della Donna, l’Woman’s Day che si fece strada per la prima volta negli Usa, nel Partito socialista americano nel febbraio del 1909.

“In questa XVII legislatura – continuano Braga e Guerra – sono stati circa 25 i provvedimenti approvati, raccolti in sintesi nel documento “Un Paese per Donne e Uomini” a cura del gruppo dei Deputati PD, con i quali, ad oggi, si è cercato di colmare le differenze di opportunità tra uomo e donna, dall’adozione della Convenzione di Istanbul ai voucher per l’acquisto di servizi di babysitting, dalle misure a tutela della maternità delle lavoratrici e contro l’illegalità alle dimissioni in bianco, dal rafforzamento della rappresentanza di genere nelle liste amministrative al divorzio breve”.

“Da quest’anno inoltre – sottolineano i parlamentari comaschi -, grazie ad un’iniziativa del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo Dario Franceschini i musei, i monumenti e le aree archeologiche statali saranno gratuiti per le donne ogni 8 marzo. Nella città di Como sono previste numerose iniziative tra le quali la visita guidata, a cura dei Musei Civici, ad ingresso libero e gratuito della Pinacoteca Civica svoltasi nel pomeriggio di ieri, domenica 6 marzo, mentre l’8 marzo sempre con ingresso libero e gratuito sarà possibile effettuare la visita guidata del Museo archeologico.

“Certo – concludono – ancora molto c’è da fare e non solo nel nostro paese. Lo stato drammatico della condizione femminile nel mondo, composto da fatti che pesano sulla civiltà umana intera, pensiamo ad esempio ai rapimenti di Boko Haram in Nigeria, agli stupri indiani, alle spose bambine, alla continua escalation di violenza sulle donne come testimoniano anche i vicini e recenti fatti di Colonia, ci dimostra, ancora una volta, che certe importanti battaglie, e quella per il rispetto del genere femminile è una di queste, non si vincono una volta per tutte ma necessitano sempre di continue e nuove riconferme. Una bruciante verità storica da tenere bene presente soprattutto in ragione di una società contemporanea globale contrassegnata da gravi instabilità geopolitiche e da sempre più rapide trasformazioni sociali”.

Più informazioni su