CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Oncologia: al Sant’Anna al via i gruppi di auto-mutuo aiuto

Più informazioni su

La parola come elemento di cura. E’ la filosofia che sta alla base di “Parlarne si può”, iniziativa che propone gruppi di auto-mutuo-aiuto per i pazienti oncologici dell’ospedale Sant’Anna a partire dal 4 marzo.
L’idea nasce dalla collaborazione tra l’Unita Operativa di Oncologia dell’azienda sociosanitaria territoriale Lariana e l’associazione Centro di Riferimento Oncologico “Tullio Cairoli”: “La malattia oncologica – sottolinea Monica Giordano, primario del reparto e presidente della onlus – stravolge la quotidianità e comporta significative ripercussioni tanto sul paziente che sulla sua famiglia. Concentrati sulle terapie contro il tumore, per quanto attenti a fornire informazioni corrette, spiegazioni esaurienti  con  competenza e disponibilità i medici rischiano a volte di non essere in grado di accogliere il vissuto emotivo dei pazienti. Incertezze e paure non dissipate possono influenzare in modo negativo l’affrontare le varie fasi di malattia e le terapie proposte.
La condivisione di esperienze comuni ‘guidata’ da un esperto, il parlare ‘tra pari’ di simili bisogni e difficoltà può avere un significato “terapeutico” e attenuare ansie e preoccupazioni”.
I gruppi, finalizzati al confronto e all’aiuto reciproco, sono gratuiti, non necessitano di prenotazione e si svolgeranno nel Day Hospital Oncologico, al piano 0 blu del presidio di San Fermo della Battaglia, dalle 16.30 alle 18 secondo questo calendario: 4 marzo, primo aprile, 6 maggio, 10 giugno, primo luglio. Le date degli incontri successivi verranno comunicate nel mese di luglio.
I gruppi di auto-mutuo-aiuto sono spazi di ascolto e di parola, come spiega Pierluigia Verga, la psicologa della “Tullio Cairoli” che seguirà gli incontri: “I gruppi rappresentano una possibilità di espressione libera e di apprendimento per le persone che vivono  esperienze  simili  di fatica, di stress e di dolore emotivo. I pazienti con malattia oncologica spesso temono di  impensierire i propri familiari e di essere loro di peso. Allora  si trattengono, stanno in silenzio e talvolta  evitano di esprimersi per non doversi  poi occupare anche della tristezza e dell’ansia del proprio caro. A volte, se  parlano, si sentono incompresi ‘perché se non ci sei passato non puoi capire’ – continua la psicologa. Anche per questo motivo, incontrarsi con altri ‘che sanno davvero’ è un’opportunità  per un contatto umano significativo e per sentire autentica solidarietà”.

L’esperienza psicologica con i gruppi AMA (Auto-Mutuo-Aiuto), attivati in molte città italiane a supporto di situazioni di malattia o lutto, dimostra che il sostegno fra persone che si riconoscono in analoghe vicende è intenso e incisivo. La somministrazione nell’Oncologia del Sant’Anna durante questi ultimi anni del Need Evaluation Questionnaire ai pazienti in chemioterapia (progetto HUCARE) ha evidenziato la necessità di molti fra loro di parlarsi e aiutarsi: Parlarne si può intende proprio soddisfare questo bisogno.

Più informazioni su