CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Vanessa Gravina al Castello di Pomerio con “Platero y Yo” recital di parole e musica

Più informazioni su

Vanessa Gravina sarà la voce guida che, stasera al Castello di Pomerio, condurrà gli spettatori nel delicato mondo di “Platero y Yo”  del poeta spagnolo Jose Ramon Jimenez, premio Nobel per la Letteratura. La storia è quella di un simpatico e soffice asinello andaluso e dell’amicizia che lo lega al suo pastore. Nelle conversazioni tra uomo e animale non è difficile ascoltare un dialogo intimo tra il poeta e la natura alla ricerca di una riappacificazione con i lati bui della sua anima.

vanessa gravina 3

Alla Gravina, esponente indiscussa del teatro e della televisione italiana, il compito di trasportare il pubblico in un mondo agreste, tra fantasia e realtà. Insieme a Vanessa toccherà le corde della fantasia lo straordinario chitarrista Claudio Piastra, riconosciuto internazionalmente come uno degli esponenti più rappresentativi del concertismo italiano.

L’ evento odierno, promosso dalla Municipalità di Erba e in particolare l’Assessorato Cultura, continua un filone di proposte culturali nella suggestiva location del Castello di Pomerio dove lo scorso anno venne presentato Histoire du Soldat di Stravinskij. Quest’anno invece l’opera centrale dello spettacolo è “Platero y Yo”, poema in prosa di Juan Ramón Jiménez  musicato nel 1960 dal compositore italiano Mario Castelnuovo-Tedesco.

“Platero y yo” spicca per singolarità essendo concepita per voce recitante e chitarra, un vero e proprio duo, dove la parola viene trattata anche sotto l’aspetto musicale, con una precisa scansione nel tempo, fino a creare un affascinante, quanto complesso intreccio tra le parti. “Non ci si aspetti un sottofondo musicale, magari d’ impronta spagnola come la nazionalità del poeta farebbe supporre – spiega il musicista Claudio Piastra – né tanto meno una mera descrizione a programma del testo, ma, se ci è concesso il suggerimento si provi ad ascoltare l’ opera con lo spirito suggerito dall’ autore del testo:  “questo non è un libro per bambini ma forse, per uomini bambini” .

vanessa gravina locandinaCastelnuovo-Tedesco scelse 28 dei 138 quadri del poema di Jiménez, ordinandoli in quattro volumi di sette brani ciascuno, e creando una delle opere più originali della letteratura chitarristica: un melologo in cui la musica non ha una semplice funzione descrittiva, ma concorre a creare un altro linguaggio poetico e quindi un altro livello di ascolto in un lavoro pensato, nel suo insieme, per la narrazione. Lo splendido melologo “Platero y yo” nasce quindi all’interno di una cultura definita, e segna l’incontro di due grandi mondi: quello della poesia pura di Jiménez, e quello della musica pura di Castelnuovo-Tedesco.
All’interno di questa doppia ricerca di semplicità si colloca quindi “Platero y Yo”, descrizione ed elogio dell’amicizia antica tra l’animale e l’uomo.

L’esecuzione che verrà presentata questa sera è una selezione di 11 brani tratti dai 28 che compongono l’opera di Mario Castelnuovo Tedesco

 

Vanessa Gravina, già applaudita al Castello di Pomerio quando, due anni fa, interpretò “Graziela” di Gabriel Garcia Marquez, entrò nelle case degli italiani a dieci anni come volto, già incantevole, dell’aranciata San Pellegrino, subito dopo esordì al cinema con Marco Risi.  vanessa gravina 2 Oggi, splendida 42enne, Vanessa è una delle attrici che passa facilmente dal cinema (Abbronzatissimi, L’uomo privato) alla televisione (Don Tonino, Incanesimo, Gente di Mare, Butta la luna, Madre aiutami), anche se il suo campo preferito è, da sempre, il teatro. Fra i suoi numerosi successi teatrali degli ultimi anni spiccano soprattutto La signorina Giulia di August Strindberg sotto la regia di Armando Pugliese, Vestire gli ignudi di Luigi Pirandello regia di Walter Manfrè e La bisbetica domata di William Shakespeare, regia ancora di Pugliese. Dal 2013 è la protagonista di A piedi nudi nel parco di Neil Simon insieme a Stefano Artissunch, in tournée anche nel 2014 e 2015. Nel 2015 interpreta il ruolo di Anais Nin in Diario di sé di Luca Cedrola.
Ad aprire la serata di Erba sarà la straordinaria partecipazione della Bellagio Festival Orchestra – compagine nata in seno al Festival di Bellagio e del Lago di Como – che accompagnerà il Maestro Piastra nell’esecuzione del Concerto in Re maggiore di Antonio Vivaldi, in dialogo con alcuni estratti goldoniani affidati alla voce di Vanessa Gravina.

Un programma sicuramente fuori dal comune, che assicura una serata di alta qualità esecutiva, ma insieme si pone come anteprima della importante programmazione che il Comune di Erba sta predisponendo per l’estate 2016, anche in collaborazione con il Festival di Bellagio e del Lago di Como.

Venerdì 29 gennaio 2016, ore 21
Castello di Pomerio di Erba (Via Como 5)
L’attrice VANESSA GRAVINA
in concerto con
CLAUDIO PIASTRA alla chitarra
e la BELLAGIO FESTIVAL ORCHESTRA
Ingresso libero e a seguire buffet

promosso da Assessorato alla Cultura città di Erba.

vanessa gravina locandina1

 

Più informazioni su