CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Al Teatro Sociale fine stagione lirica con La Boheme di Giacomo Puccini

Più informazioni su

Il Teatro Sociale chiude la stagione lirica 2015/16 con due spettacoli, venerdì 22 gennaio alle ore 20.30 e domenica 24 gennaio ore 15.30con. In scena un titolo molto amato dal pubblico La bohème di Puccini.

Quando venne rappresentata la prima volta l’1 febbraio 1896 al Teatro Regio di Torino, il direttore d’orchestra era un giovane Arturo Toscanini. Il pubblico apprezzò fin da subito la storia ambientata nella Parigi bohemienne dove un gruppo di giovani vive e ama. La critica, inizialmente poco convinta, si piegò al consenso popolare ricevuto dall’opera di Puccini.

SPETTACOLI BRESCIA TEATRO GRANDE STAGIONE LIRICA 2015/2016 PROVA GENERALE BOHEME NELLA FOTO SCENA 30/09/2015 REPORTER FAVRETTO

La produzione che sarà rappresentata a Como  è una ripresa dell’allestimento che nel 2013 al Macerata Opera Festival ha valso il Premio Abbiati al regista Leo Muscato, che traspone la storia nella Parigi 1968, in piena contestazione politica e nel tumulto degli scioperi di fabbrica. Una rilettura al contempo cruda e travolgente, che vede nel cast nomi conosciuti dal pubblico comasco, come Maria Teresa Leva che sarà Mimì , Francesca Sassu nei panni di Musetta, Matteo Falcier in quelli del poeta Rodolfo e Sergio Vitale ad interpretare Marcello, pittore squattrinato. Sono queste due coppie il fulcro delle storie d’amore attorno a cui muovono gli altri personaggi: Colline e Schaunar gli altri bohémiens e Benoît, il padrone di casa.

In una soffitta gelata dall’inverno parigino i giovani conducono un’esistenza spensierata, ma alla fine, come in quasi tutte le opere, qualcuno morirà. Mimì è ammalata e Musetta manda Marcello a vendere i suoi orecchini per comperare medicine, ed esce lei stessa per cercare un manicotto che scaldi le mani gelide di Mimì. Anche Colline decide di vendere il suo vecchio cappotto (“Vecchia zimarra, senti”), al quale è molto affezionato, per contribuire alle spese. Ma, ricordando con infinita tenerezza i giorni del loro amore, Mimì si spegne dolcemente circondata dal calore degli amici e dell’amato Rodolfo.

La Boheme è celebre per le arie, su tutte quelle nel primo atto. Rodolfo canta l’aria Che gelida manina, dopo aver toccato una delle mani di Mimì. Si, mi chiamano Mimì, canta la giovane rivelando che è una ricamatrice di fiori.

Alla guida dell’orchestra dei Pomeriggi Musicali di Milano, è stata fatta una sostituzione. Sul podio ci sarà il Maestro Carlo Goldstein, tra i giovani direttori d’orchestra emergenti del panorama internazionale, che già è stato al Sociale per Adriana Lecouvreur nella scorsa stagione lirica e al Festival 2015 dirigendo Pagliacci.

Teatro Sociale di Como

venerdì, 22 gennaio – ore 20.30       turno A

domenica, 24 gennaio – ore 15.30   turno B

LA BOHÈME

Opera in quattro quadri. Musica di Giacomo Puccini. Libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica dal romanzo Scènes de la vie de Bohème di Henri Murger.

Direttore
Carlo Goldstein

Regia

Leo Muscato

 

Maestro del coro Antonio Greco

Coro OperaLombardia

Orchestra I Pomeriggi Musicali

Coproduzione Teatri di OperaLombardia, Fondazione I Teatri di Reggio Emilia

Allestimento del Macerata Opera Festival

 

Prezzi da 16€ a 58€ + prevendita.

Biglietti in vendita presso la biglietteria del Teatro e online su www.teatrosocialecomo.it

 

Più informazioni su