CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La Grande Guerra raccontata dai D’Altrocanto ad Inverigo

Più informazioni su

Un altro momento di ricordo e riflessione a cento anni dalla Grande Guerra lo popone venerdì 20 novembre alle 21,15 la Biblioteca di Inverigo in frazione Villa Romanò. “Per ogni cuore che sente coscienza” è il titolo del recital che prevede immagini, letture e canti con il Gruppo di Musica Popolare D’Altrocanto. Ingresso libero

Lo spettacolo integra canzoni della tradizione popolare con letture di testi che colpiscono per l’angolatura originale e per la sensibilità e i linguaggi che arrivano dritti al cuore.  I D’Altro Canto sono Cristina Bossi :canto Franco Dell’Olio:mandolino, mandola, mandoloncello, charango e canto Enrico Ferioli: flauti, baghét e canto Pierangelo Galletti: chitarra Giorgio Lavatelli: canto Massimiliano Lepratti: violino e canto Franco Pandolfo: contrabbasso, basso acustico, basso tuba e percussioni Sandro Tangredi: canto, chitarra, chitarra battente. e percussioni Tilde Tognocchi: canto Bruno Venturini: organetto diatonico

daltrocanto

1914-1918. I cento anni dall’entrata in guerra dell’Italia sono già stati ricordati da molti storici, narratori ed autori teatrali, da importanti musei come il Mart di Rovereto (ci riferiamo alla mostra “La guerra che verrà non è la prima” dell’anno scorso), per non parlare di film di grande livello come “Torneranno i prati” di Olmi, a nostro avviso una vera e propria “summa” della sensibilità antiretorica e pacifista che si è sviluppata negli scorsi decenni.
Dobbiamo ammetterlo: la gran quantità di stimoli ed occasioni di approfondimento inizialmente ci ha un po’ inibiti … ci siamo detti: ma cosa possiamo aggiungere che non sia già stato elaborato e proposto? Cosa abbiamo da dire di nuovo? Ah, di nuovo proprio niente, questo è certo … però nei mesi scorsi ci è venuto spontaneo riprendere alcuni canti narrativi che negli anni d’oro del folk revival furono riscoperti dai musicologi, ma anche brani d’autore con una forte ispirazione popolare come E. Jannacci e V. Visotskij. Inoltre abbiamo provato ad integrare il canto con la lettura di alcuni testi che colpiscono per le angolature originali, per le sensibilità e i linguaggi che arrivano “dritti al cuore” … spunti letterari e musicali, insomma, che ci riportano
al punto di vista della gente comune, la cosiddetta carne da macello, che comprende gli anti-eroi oppure i disobbedienti o disertori ma soprattutto migliaia di dimenticati.
Abbiamo scelto, sfrondato e assemblato un materiale che ora vorremmo “mettere in circolo”, non per fare spettacolo usando il triste racconto della guerra, ma per proporre uno spazio di riflessione su questioni che non riteniamo circoscritte agli anni della grande guerra, poiché con nuovi mezzi e nuove fogge si sono riproposte lungo tutto il XX secolo e si stanno riproponendo ancor oggi. – D’Altrocanto

Per informazioni:
Biblioteca Comunale di Inverigo
Via Carlo Bianchi
biblioteca@comunediinverigo.191.it
031.605200
https://www.facebook.com/bibliotecacomunalediinverigo

Più informazioni su