CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

“Les Amants” con la scena d’amore che spostò l’asticella del comune senso del pudore. I Lunedì del Cinema al Teatro Sociale

Più informazioni su

Una volta al mese “Il cinema va a teatro”, ovvero i “Lunedì del Cinema” si spostano dalla sede abituale dello Spazio Gloria alla sala tutta stucchi e velluti del Teatro Sociale di Como. La collaborazione tra il Sociale ed il Lake Como Film Festival che cura la storica rassegna cinematografica, è nato per proporre una rassegna crossover che, attraverso il cinema, interseca musica, teatro e letteratura, riportando sul grande schermo alcuni grandi capolavori della storia del cinema.

lunedi cinema les-amants_locandina

“Les Amants” è un film del 1958 nel quale il regista francese Luois Malle mette su pellicola la sua tematica congeniale: l’impossibilità dell’amore frustrato dall’ipocrisia, dalla violenza del costume, dai rapporti sociali. “Les Amants” è film per certi versi pionieristico che ai tempi suscitò grande scandalo per aver mostrato un adulterio femminile vissuto senza rimpianti. Dopo Ascensore per il patibolo, che fece conoscere Malle e la sua attrice simbolo Jeanne Moreau alla critica, Gli Amanti fu il film che consacrò questi due nomi anche a livello commerciale facendoli conoscere al grande pubblico: complice il clamore suscitato da una scena allora giudicata scabrosa, il film in Francia fu anche un grande successo commerciale.

lunedi cinema les-amants_malle2

Jeanne è sposata con Henry, direttore di un giornale di Digione, ma dopo otto anni di matrimonio si stanca del marito sempre freddo e poco passionale. Un giorno a Parigi un’amica le fa conoscere Raoul, un campione di polo. Henry lo scopre e, per testare se i due veramente si amano, fa venire a Digione Raoul e Maggie, l’amica di Jeanne; ma le cose si complicano già poche ore prima del loro arrivo. Infatti Jeanne è vittima di un incidente stradale ed è costretta a chiedere un passaggio: le capita di incontrarsi con un archeologo, che invita a casa di Henry. Stufa del contegno del marito e di Raoul, il mattino seguente Jeanne parte con l’amante.

La fonte letteraria a cui si ispirò l’allora ventiseienne Malle è un racconto settecentesco di Dominique Vivant-Denon intitolato Pont de Lendemain. Da un testo settecentesco Malle trasse un film di spiazzante modernità che riuscì a sconvolgere i benpensanti di metà Novecento. Inevitabili dunque le polemiche che accompagnarono la presentazione del film al XIX Festival del cinema di Venezia, dove il film si aggiudicò il Leone d’argento con il Gran premio della giuria.

Ma oltre a mostrare la disgregazione della famiglia borghese e il ritratto di una donna che dopo una lunga relazione extraconiugale si getta fra le braccia di uno sconosciuto e per lui lascia tutto, figlio compreso, senza rimpianti, il film fece parlare di sé anche per una chiacchieratissima scena d’amore in cui Jeanne Moreau appare senza reggiseno. Definita da Truffaut “la prima notte d’amore al cinema”

IL CINEMA VA A TEATRO

Les amants (Francia, 1958, 88 minuti) di Louis Malle con Jeanne Moreau, Jean-Marc Bory, Alain Cuny e José Louis De Villalonga

Proiezione in lingua originale e sottotitoli in italiano
Teatro Sociale ore 20.30, biglietti a 7 euro

 

 

Più informazioni su