CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Alessandro Gassmann presenta “Qualcuno volò sul nido del cuculo” al Sociale

Più informazioni su

La malattia, la diversità, la coercizione, la privazione della libertà sono temi che da sempre mi coinvolgono e che amo portare  in  scena  con  i  miei  spettacoli. Temi  tutti   straordinariamente   presenti nello spettacolo “Qualcuno volò sul nido del cuculo” di Dale Wasserman, tratto dall’omonimo  romanzo di Ken Kesey, la cui versione cinematografica diretta da Miloš Forman è entrata di diritto nella storia del cinema. Alessandro Gassmann  presenta così la versione del “nido del cuculo” di cui lui ha curato la regia e che arriverà al Teatro Sociale giovedì e venerdì della prossima settimana.

qualcuno volo sul nido

Nella versione di Gassmann la drammaturgia di Wasserman è stata rielaborata dallo scrittore Maurizio de Giovanni che, senza tradirne la forza e la sostanza visionaria, l’ha avvicinato a noi, cronologicamente e geograficamente. Randle Mc Murphy, il protagonista originale, lo sfacciato delinquente che si finge matto per sfuggire alla galera, diventa quindi Dario Danise e la sua storia e quella dei suoi compagni si trasferiscono nel 1982, nell’Ospedale Psichiatrico di Aversa. Danise è un ribelle anticonformista che comprende subito la condizione  alla  quale  sono  sottoposti  i suoi compagni di ospedale, creature vulnerabili, passive e inerti. Da quel momento si renderà paladino di una battaglia nei confronti di un sistema repressivo, ingiusto, dannoso e crudele, affrontando così anche un suo percorso interiore che si concluderà tragicamente ma riscatterà una vita fino ad allora sregolata e inconcludente. E, attraverso di lui, i pazienti riusciranno ad individuare   qualcosa   che   continua  ad esser loro negato: la speranza di essere compresi, di poter assumere il controllo della propria vita, la speranza di essere liberi…“Un grido di denuncia che scuote le coscienze e che fa riflettere. Come sempre ho lavorato su complessi rapporti psicologici tra i vari personaggi, immergendoli in uno spazio scenico realistico e asettico” scrive Gassmann a proposito dello spettacolo.

Con il suo talento registico caratterizzato da un’inconfondibile cifra stilistica elegante e al tempo stesso appassionata,  Alessandro Gassmann firma una messinscena personalissima ma fedele alle intenzioni dell’originale.

“Qualcuno volò sul nido del cuculo” in scena al Teatro Sociale giovedì 19 e venerdì 20. Biglietti ancora disponibili. La seconda data dello spettacolo, il 20 novembre, rientra nel progetto Flirtheater, promosso in collaborazione con L.A.L.T.R.O. che prevede un pacchetto biglietto e drink a prezzo agevolato  per i giovani under 30

Più informazioni su