CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Domani in Regione una giornata dedicata alla trasparenza

Più informazioni su

Una giornata per sottolineare il ruolo degli enti locali  nella prevenzione della corruzione e per approfondire e analizzare i temi della moralità nella società. E’ la Giornata della Trasparenza che si svolgerà domani, martedì 13 ottobre, nella Sala “Marco Biagi” di Palazzo Lombardia, organizzata da Consiglio e Giunta regionale.

Il convegno  si aprirà alle 9,30 con l’intervento del Presidente Roberto Maroni e vedrà la partecipazione di Bruno Simini (Arpa Lombardia), Elisabetta Parravicini (Ersaf Lombardia), Giancarlo Pola (Eupolis Lombardia), Fulvio Matone (Arifil Lombardia).

Alla Giornata della Trasparenza  parteciperanno Gian Antonio Girelli (Presidente della Commissione speciale Antimafia del Consiglio regionale),  Miche Busi (Presidente dell’Osservatorio per la Legalità di regione Lombardia e consigliere regionale), Gianmario Mocera (Vicepresidente Comitato regionale Consumatori e Utenti Lombardia), Roberto Scanagatti (Presidente Anci Lombardia), Ettore Prandini (Presidente Coldiretti Lombardia). Prevista anche una tavola rotonda su “La trasparenza tra etica e diritto” che sarà moderata da Nicola Pasini, professore di Scienza politica dell’Università degli Studi di Milano.

Le conclusione saranno a cura del Vice Presidente del Consiglio regionale Fabrizio Cecchetti.

Il convegno sarà trasmesso in streaming sui portali web consiglio.regione.lombardia.it e regione.lombardia.it e in videoconferenza presso le sedi Territoriali regionali (STER).

Per l’occasione dalle 14.30 alle 17 Palazzo Pirelli sarà aperto  ai cittadini: percorsi guidati permetteranno  di visitare la sede del Consiglio regionale e il Belvedere e di conoscere e approfondire servizi e funzioni che offre Regione Lombardia (previsti stand di Comitato regionale per le comunicazioni della Lombardia, Difensore regionale, garante per l’infanzia e l’adolescenza). La partecipazione è libera ma occorre accreditarsi presentando documento d’identità.

 

Più informazioni su