CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Concerto multimediale in pinacoteca per LakeComo Festival

Più informazioni su

Palazzo_VolpiSabato 26 settembre, a palazzo Volpi, sede della pinacoteca comunale, il secondo concerto a Como nel cartellone autunnale del LakeComo Festival. In un orario inusuale,ma interessante, ovvero le 16.30, che ben si accorda con la proposta artistica, la fisarmonica di Boris Lenko interagirà con l’elettreonica e la video art di Peter Machajdik in un concerto multimediale d’avanguardia. In programma un excursus  musicale da Bach a John Zorn passando per brani originali firmati dai due musicisti slovacchi. L’evento gode anche del  supporto del Ministero della Cultura della Repubblica Slovacca”

 

Boris Lenko – Peter Machajdik concerto multimediale

Boris Lenko (fisarmonica)
Peter Machajdik (elettronica / video)

Sabato 26 settembre  ore 16.30 Pinacoteca Civica Palazzo Volpi – Como

BIGLIETTI

– 10€ intero

I biglietti sono in vendita presso la sede del concerto.
La biglietteria apre un’ora prima dell’inizio del concerto.

Maggiori Informazioni

lakecomofestival.com

PROGRAMMA

J. S. Bach: Preludium and fuga g mol WTK II, BWV 885
D. Scarlatti: Sonata E Major K. 135 L. 224 Allegro
G. Ligeti: Musica ricercata (Auswahl)
P. Machajdík: 5 Mirrors for accordion
B. Lenko: Etude No1, Arwa, Juta
P. Machajdík: Effugium (for those who don’t close their eyes) – nuovo brano dedicato al LakeComo festival
O. Schmidt: Toccata No 2
J. Zorn: Road runner

 

  1. boris lenkoBoris Lenko: Diplomato al Conservatorio di Žilina (Anton Pittner) e l’Accademia di Belle Arti di Bratislava (Marta Szökeová), la sua carriera internazionale è decollato dopo aver vinto vari concorsi, in particolare l’Andrezieux-Boutheon nel 1987. Negli anni Novanta era già classificato come uno degli artisti slovacchi più affermati, eseguendo regolarmente concerti e registrazioni.

Boris Lenko è una di quelle rare specie di musicisti versatili che si esibiscono tutto ciò che vanno dal repertorio classico, musica seria contemporanea, attraverso vari progetti cross-over fino al jazz.

Ha incorporato molti elementi innovativi nel repertorio della fisarmonica in Slovacchia, soprattutto con l’introduzione di opere di personalità significative della scena americana ed europea del dopoguerra (J. Zorn, M. Kagel, M. Lindberg, G. Klucevsek, L. v Vierk, L. Berio, M. Sørensen) ed eseguendo in prima assoluta nuove opere slovacche (J. Beneš, P. Zagar, M. Burlas, P. Machajdik, I. Zeljenka, I. Szeghy, M. Piaček, J. Irsai, l. Burgr, L. Kupkovič…). Si esibisce regolarmente in festival di musica contemporanea ed è diventato un pioniere con la sua introduzione delle opere di A. Piazzolla in Slovacchia nel progetto eccezionale successo Triango.

Boris Lenko si dedica anche alla composizione ed è docente presso l’Accademia di Belle Arti di Bratislava. Nel maggio 2014 è stato nominato dal Presidente della Repubblica Slovacca Ivan Gašparovič come “professore nell’arte della Musica”.

boris lenko1

Peter Machajdik: Peter Machajdík è cresciuto a Bratislava, ma ha vissuto a Berlino negli ultimi 20 anni. Iniziò lo studio della musica a sei anni e a sette lo studio del pianoforte. Nel 1980 non è stato accettato all’Accademia Musicale di Bratislava perché il suo concetto di musica, in quel momento, era stato fortemente influenzato dal avant-garde occidentali e considerato troppo alternativo per la scuola.

A 27 anni, Machajdík si è laureato presso l’Università di Economia di Bratislava. Il suo primo riconoscimento internazionale come compositore è arrivato con il suo lavoro multimediale Intimate Music con David Moss a Inventionen 1994 a Berlino. La sua prolifica produzione da allora è stata eseguita e trasmessa in tutto il mondo e la sua produzione musicale non si è rivolta solo alla musica per concerti, ma anche quella per il teatro, il cinema, la danza moderna e le arti visive. Le sue opere principali sono Nell’autunno del suo abbraccio insonne per arpa,  Kyrie e Domine per coro misto a cappella, Als der Wind in den Dünen per archi, e Namah per orchestra d’archi che è stato premiato dal direttore Anu Tali presso la Sala Concerti della Radio Slovacca di Bratislava nel 2002.

Machajdík ha ricevuto numerose commissioni e riconoscimenti tra cui: Fondazione Kulturfonds, Fondazione Russolo-Pratella, Fondo Musicale Slovacco, Radio della Repubblica Ceca, Germania Accordion Society e da Bratislava Music Festival . Nel 1992 è stato invitato a vivere e lavorare a Berlino come ospite del prestigioso DAAD Künstlerprogramm. Machajdík è stato anche il compositore in residence presso Schloss Wiepersdorf, in Germania, a Künstlerhäuser Worpswede e presso Künstlerhaus Lukas in Ahrenshoop sulla costa tedesca del Mar Baltico. Nel 2006 ha ricevuto il Jan Levoslav Bella Prize, il premio più significativo per la musica in Slovacchia.

La musica di Peter Machajdík è spesso eseguita a in importanti festival tra cui: Inventionen – Berlino; New Work Festival – Calgary;  LakeComo Festival; Hörgänge – Vienna; young.euro.classic – Berlino; Nuovi Spazi Musicali – Roma; Melos-Ethos – Bratislava; 5 Giornate per la Nuova Musica – Milano, Musica Nova – Sofia, Festival de Jazz et Musiques d’Aujourd’hui – Mulhouse; Review of Composers – Belgrado; Arte Audio Festival – Cracovia, così come nei Paesi Bassi, Italia, Belgio, Canada, Danimarca, Svizzera, Portogallo, Repubbliche Ceca e Slovacca, gli Emirati Arabi e gli Stati Uniti. Prime delle sue opere sono avvenute alla Deutsche Oper di Berlino, Bratislava, Slovak Philharmonic Hall, Konzerthaus di Berlino, Tenri Cultural Institute di New York, Ignacy Paderewski Pomerania Philharmonic Hall, Adolphus Busch Hall di Cambridge (MA), e la Sala Filarmonica di Trento.

Interpreti della musica Machajdík hanno incluso artisti del calibro di as Carson CoomanFloraleda SacchiGuido ArbonelliPiero Salvatori, Ivano Ascari, Elina MustonenJon Anderson (the voice of YES), David MossCzechoslovak Chamber DuoBoris LenkoSonia LeePeter Katina,  Milan Paľa, Jozef Lupták, conduttori Anu Tali, Aleksander Gref, Peter Breiner, Maria Makraki, Ondřej Kukal e Karol Kevický, Orchestra Filarmonica Janáček, Orchestra da Camera della Filarmonica Slovacca, Orchestra Filarmonica di Košice, Filarmonica Pomorska di Bydgoszcz, ARTE Quartett, Acco Duo, Camerata Europea, Lugansk Symphony Orchestra, Veni Ensemble, Zwiebel Quartet e al.

Machajdik sceglie spesso a comporre le sue opere in luoghi solitari. Le sue composizioni attingere a diverse fonti di ispirazione, soprattutto dalla polifonia e armonie modali della musica antica. Negli ultimi anni le opere Machajdík sono state caratterizzate da entrambe le economia di materiale e rigore di metodo, dimostrando così che quello che può essere semplice linguaggio musicale può tuttavia essere potenti. Anche elementi quali l’uso controllato della dissonanza, sonorità sostenuto, poco appariscente movimento melodico e l’uso frequente di tonalità minori si applicano allo stile compositivo Machajdík’s. La maggior parte delle sue composizioni hanno un carattere meditativo.

Più informazioni su