CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

“LA GRANDE GUERRA”, musica e parole dal fronte

Più informazioni su

Domenica 20 settembre alle 15 nella chiesa del Collegio Gallio (piazza Cacciatori delle Alpi – Como) un concerto per ricordare la Grande guerra , un Ensemble di musica e parole dal fronte per raccontare la “grande guerra” attraverso le note e la narrazione, pensato e voluto dal Corpo Musicale di Rebbio in collaborazione con il Coro Voci del Lario e Associazione Artistica Orizzonti Inclinati.
Un secolo dallo scoppio della Grande Guerra; un secolo di memorie indelebili. Eppure lo scorrere inesorabile del tempo non fa altro che rendere il passato sempre più lontano. Pare che in qualche maniera affievolisce, smorza e indebolisce quelli che furono gli anni di un ecatombe grande e assurda. Il nuovo millennio è abitato da nuove generazioni, da nuovi martiri al cospetto dei fantasmi del proprio tempo, colpevolmente abbandonati al rispetto della Storia e del passato. Nessuno di coloro che ha combattuto allora può più testimoniare col proprio vissuto le nefandezze della guerra ma fortunatamente le lettere e altre fonti scritte, sono ancora a nostra disposizione.
E a evidenziare una sconsolante e progressiva ottenebrazione dell’uomo contemporaneo, ecco la purezza e la saggezza di uomini che hanno lasciato altro che tracce. Ecco, sono proprio quelle tracce che noi vogliamo riportare nel tentativo di sottolineare il bisogno, la necessità, di rievocare il passato.
“Perché la guerra? Perché succede ancora? Com’è possibile che l’umanità non abbia imparato a capirne la stupidità?”.
La proposta musicale – teatrale intende sviluppare un percorso di conoscenza su alcuni aspetti che hanno caratterizzato indelebilmente il primo conflitto mondiale, con particolare attenzione alle tematiche dell’assalto, delle retrovie, della posta e corrispondenza; far conoscere la vita di trincea, ricordare con grande senso civile la storia, riportare alla memoria i luoghi in cui milioni di soldati vissero, soffrirono e morirono nell’arco di cinque lunghissimi anni. Un’iniziativa con un alto valore storico, culturale ed artistico in occasione delle celebrazioni per il centenario. Nel concerto sono riuniti canti patriottici, canzoni che parlano di aspettative, di lontananza dalla casa natale, di sentimenti d’amicizia, di gesta eroiche e che consentivano di dimenticare, seppur per pochi istanti, la paura e la crudezza della guerra.

Esecutori ed Interpreti:

Corpo musicale di Rebbio diretto dal Maestro Michele Cappellettihttp://www.bandadirebbio.altervista.org/

Coro Voci del Lario diretto dal Maestro Nicola Franchihttp://www.corovocidellario.it/

Letture interpretate da Claudio Canduci e Miriana Ronchetti Autrice Teatrale

Adattamento del testo originale di Miriana Ronchetti www.teatroarte.it

la grande guerra manifesto

Più informazioni su