CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

CON CERNOBBIO E BRUNATE – Quattro stagioni intense per Como Capitale della Cultura (VIDEO)

Raccogliere le eccellenze del patrimonio culturale del territorio e racchiuderle in un documento che possa rappresentare Como come Capitale della Cultura italiana. E’ stato presentato al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo il dossier della candidatura di Como, Cernobbio e Brunate. Il termine scadeva ieri e oggi in Comune è stato illustrato il contenuto di questa documentazione, con la speranza dei sostenitori di questa iniziativa, che tutto questo possa permettere di essere il candidato per il 2016 (si scoprirà il prossimo 30 ottobre) o per il 2017 (in questo caso l’esito il 15 dicembre).

Il titolo del progetto “Estro armonico: le stagioni del lago” trae ispirazione dall’omonima raccolta di concerti di Vivaldi. E vuole significare un ossimoro che evidenzia la ricerca del punto di equilibrio tra due esigenze opposte, da un lato l’estro e la fantasia e dall’altro la necessità di definire una struttura governata dalle regole dell’armonia. “Le due anime sono ben presenti nel territorio comasco – come spiega l’assessore alla Cultura, Luigi Cavadini, nella videointervista – caratterizzato da una vivace attività culturale e dalla tradizione creativa del comparto tessile”.

Mostre, eventi consolidati come Orticolario, ma anche rassegne musicali. La scelta dei promotori che hanno redatto il documento della candidatura, come dicevamo, è stata quella di raccogliere realtà già esistenti e ben consolidate, come le iniziative del Teatro Sociale di Como, raggrupparle in quattro categorie, seguendo l’andamento delle “Quattro Stagioni”.  La Primavera rappresenta la nascita, lo sbocciare delle prime iniziative all’aperto. Questa sarà la stagione della poesia, del teatro, della musica e delle produzioni più innovative come Artificio oltre che dell’incontro tra culture attraverso Intrecci di Popoli.

L’Estate rappresenta l’energia e i colori che caratterizzano la natura e il lago. È la stagione delle passeggiate, delle visite alle ville, dei Festival all’aperto e della musica, la stagione in cui entreranno nel vivo molte produzioni e grandi eventi, come quelli nel Parco del Grumello o Comolive100e20 e Wow Festival. L’Autunno è il tempo delle nuove partenze, cucito all’estate dalla Grande Mostra che fa da connettore tra i diversi generi. L’Inverno: segno importante del tempo invernale sul territorio, da più di vent’anni è la rassegna della Città dei Balocchi, proposta nel corso del mese di dicembre, per tutto il tempo d’Avvento fino all’Epifania.

Puntare su realtà consolidate, piuttosto che azzardare nuove formule, sembra essere così la scelta dei sostenitori (La candidatura della città di Como a Capitale italiana della cultura, condivisa dai Comuni di Cernobbio e Brunate, è sostenuta dall’Amministrazione Provinciale di Como e dalla Camera di Commercio di Como. Numerosi gli operatori culturali che hanno manifestato il sostegno al progetto. A Fondazione Volta è stato affidato il compito di coordinare gli aspetti operativi della candidatura).

Se la speranza di molti – come era stato annunciato prima della presentazione ufficiale del dossier- era la possibilità di recuperare realtà importanti come Politeama e Casa del Fascio con progetti di riqualificazione, non sarà questa l’occasione in quanto i tempi per il recupero non sarebbero compatibili con “Estro armonico”, anche se il sindaco ha assicurato che l’amministrazione punta a trovare una soluzione per questo patrimonio cittadino. Il progetto vedrà invece una riqualificazione del Tampio Voltiano.