CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Anche a Como Carrefour avvia la campagna solidale per la riabilitazione neurologica infantile

Più informazioni su

Sono oltre 150 i punti vendita Carrefour Express, tre anche a Como, aderenti alla campagna a supporto della Fondazione Toghether TO GO, Onlus che organizza percorsi riabilitativi e diverse tipologie innovative di terapia per bambini affetti da lesioni del sistema nervoso, o di origine genetica o sviluppatesi nella vita intrauterina o conseguenti a traumi neonatali.

Fino al 6 ottobre Carrefour, nei punti vendita Express aderenti all’iniziativa, ha scelto di destinare alla Fondazione TOG il 10% del fatturato derivante dalle vendite dei prodotti di eccellenza della linea “Terre d’Italia”. I progetti sono inoltre sostenuti da una campagna di sensibilizzazione per le donazioni volontarie all’interno dei punti vendita aderenti e della sede Carrefour Italia.

Antonia Madella Noja, Segretario Generale della Fondazione Together To Go e responsabile del Centro di Riabilitazione TOG, ha dichiarato: “Siamo grati a Carrefour e ai punti vendita aderenti a questa splendida iniziativa che supporterà la nostra Fondazione contribuendo alle cure offerte ai 106 bambini con patologie neurologiche complesse in carico presso il Centro TOG. Grazie al contributo di Carrefour potremo continuare a offrire a ogni bambino un percorso individualizzato per portarlo al massimo delle sue potenzialità e per sviluppare un contesto di fiducia reale ed empatia che sostenga le loro famiglie e le scuole che li accolgono”. Gabriele Di Teodoro, Direttore Prossimità – Carrefour Italia, ha dichiarato: “È un onore poter contribuire alla realizzazione di progetti di così rilevante importanza come quelli portati avanti da Fondazione TOG, una Onlus che si distingue in particolare per l’approccio all’avanguardia nella gestione di problematiche che richiedono una particolare delicatezza. Carrefour vuole essere sempre più vicino alle persone; lo fa in molti modi, ma è in occasioni come queste che si riesce, con orgoglio, a sentirsi davvero parte di una comunità”

Più informazioni su