CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Teatro San Teodoro #lacasaditutti, finite le vacanze scatta l’occupazione

Più informazioni su

Estate, i teatri sono chiusi. Ma il Teatro San Teodoro di Cantù tiene alta l’attenzione anche in questo periodo in cui tutto abbiamo in mente tranne che chiudersi dentro un teatro. Il contest estivo lanciato dal dinamico staff del San Teodoro consiste nel postare sul profilo facebook del teatro uno scatto dalle vacanze con l’hastag  #LACASADITUTTI, c’è tempo fino al 25 settembre. E di belle foto ne arrivano in continuazione

“Raccontaci la tua estate con un click. Verranno premiati originalità, creatività e umorismo degli scatti” invitano quelli del San Teodoro che hanno messo in palio biglietti per gli spettacoli della prossima stagione.
1° premio: 4 biglietti omaggio per lo spettacolo 5 RACCONTI SULL’AMORE di e con Stefano Benni che inaugurerà la nuova stagione del teatro il 10 ottobre.

Meno di un mese a Occupy San Teodoro

san teo occupy

Prima dell’apertura ufficiale della stagione le porte del Teatro San Teodoro di apriranno per  ‪#‎OCCUPYSANTEODORO‬, la rassegna di eventi gratuiti no stop che torna per il secondo anno dal 14 al 20 settembre. Dal 14 al 20 settembre il Teatro San Teodoro di Cantù verrà simbolicamente occupato, per diventare luogo di formazione e aggregazione, aperto a tutti. Una dimensione in cui condividere capacità e passioni e trasformarle in un fare comune. Il San Teodoro si trasformerà in un’agorà entro la quale la città possa riversarsi. Un palcoscenico aperto, un progetto da condividere con compagnie e artisti, operatori e spazi culturali del territorio comasco e canturino, addetti ai lavori e semplici appassionati di arte e cultura, per sperimentare una progettazione partecipata e una diversa organizzazione del fare spettacolo, basata sulla cooperazione. “Crediamo fortemente che partecipare in prima persona all’autogoverno di un teatro porti con sé un’idea altra di cittadinanza: accessibile a tutti, senza esclusioni – dichiarano dal San Teodoro – e proprio ai cittadini, a tutte le componenti sociali e culturali, chiediamo di partecipare con donazioni di tempo, testimonianze, competenze, materiali e soprattutto passione, perché insieme si costruisca un patrimonio comune dell’incontro e dello scambio”.

2Il desiderio è di dare forma ad una proposta culturale curiosa e variegata, che non si rivolga esclusivamente ad un pubblico elitario e di soli addetti ai lavori. Un’esperienza di condivisione attiva, un’occasione di rafforzare le forme e i modelli di gestione delle istituzioni culturali in modo partecipativo e democratico.

La ricerca culturale che sta alla base del Teatro inteso come bene comune, offre indicazioni preziose relativamente alla gestione dell’arte e della conoscenza, ispirandosi a criteri di cooperazione, partecipazione e ascolto.

Dal 14 al 20 settembre il Teatro San Teodoro si trasformerà quindi in uno spazio aperto a tutti, 24 ore al giorno; in un luogo di relazioni e di partecipazione diretta. Un laboratorio del fare, in cui fare esercizio di partecipazione e condivisione reale, attraverso dibattiti, gruppi di lavoro, laboratori e spettacoli. Chiunque potrà proporre e mettere al servizio degli altri le proprie capacità, il proprio talento, la propria passione, dando vita ad una commistione di arti, linguaggi e forme espressive.

10694274_857602100919124_3241842762433246766_oLe proposte di chi vorrà partecipare, verranno inserite all’interno di un programma più ampio, strutturato a partire dagli appuntamenti del festival MusicaInScena. Un’azione con la quale i cittadini potranno appropriarsi in prima persona ed essere parte delle decisioni della vita del teatro: cura e autogestione degli spazi, progettazione artistica, formazione, programmazione, incontri pubblici.

 

Più informazioni su