CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Doppio appuntamento a Zelbio Cult: il c.t. Bonitta e lo spettacolo dedicato a Brera

Più informazioni su

Un finale col botto per gli “incontri d’autore su quell’altro ramo del lago di Como”, ovvero Zelbio Cult, vanto estivo per il piccolo paese del Triangolo Lariano che ogni anno riesce a stupire per la varietà e qualità degli ospiti invitati dal curatore Armando Besio, giornalista di Repubblica, genovese, ma zelbiese per parte di madre.

Due appuntamenti nello stesso week-end e un concerto di chiusura previsto per l’ultimo fine settimana di agosto, ma andiamo con ordine: venerdì 21 agosto (ore 21), si parla di sport con Marco Bonitta, il commissario tecnico della Nazionale femminile di palla a volo nell’incontro intitolato: “Volley, fortissimamente volley”.

zelbio cult marco bonitta

Dopo una serie di vittorie con le squadre Big Power di Ravenna e Foppapedretti di Bergamo, nel 2001 Bonitta venne chiamato alla guida tecnica della nazionale femminile, con cui vinse la medaglia d’argento agli Europei quello stesso anno e nel 2005, e il Mondiale del 2002. Poi, alla vigilia dei Mondiali del 2006, venne sollevato dal suo incarico. Ma c’è il suo nome dietro alla bella prestazione dell’Italia nel recente mondiale del 2014, conclusa a Milano con un quarto posto che in termini di popolarità è valso quanto una medaglia d’oro. Il racconto di un uomo che è passato dall’altare alla polvere e ritorno, attraversando rabbia e perdono, non soltanto sul campo da pallavolo.

zelbiocult logo

Sabato 22 agosto sul palcoscenico del piccolo teatro di Zelbio, che comunque ha visto esibirsi le grandi attrici milanesi Arianna Scommegna e Elena Russo Arman, ritorna il teatro con lo spettacolo “Gioànn Brera, l’inventore del centravanti”  scritto da Sabina Negri che ne è anche interprete con Bebo Storti. La narrazione è accompagnata alla chitarra da Simone Spreafico.  Al centro della pièce Gianni Brera (1919-1992), il più grande giornalista sportivo (e non solo) italiano, inventore di un nuovo linguaggio capace di raccontare con originalità e competenza l’epica popolare del calcio, del ciclismo, dell’atletica. Lo spettacolo, fra parole e musica (le canzoni di Enzo Jannacci riproposte da Bebo Storti) rievoca la sua figura umana e professionale sullo sfondo della storia italiana del Novecento.

L’edizione 2015 di Zelbio Cult si chiuderà sulle note di due violini, domenica 30 agosto con l’Ensemble Baroccolario, composto dai violinisti Chiara Zanisi e Stefano Barneschi che proporranno un repertorio poco frequentato ma di grande suggestione –  quello appunto per due violini – con musiche di Genimiani, Vivaldi, Telemann, Pugnani, Bartok, Stamitz, Graaf.

zelbio cult concerto

Gli incontri di Zelbio Cult sono tutti ad ingresso libero e sono organizzati da Armando Besio in collaborazione con la Pro Loco e la Biblioteca comunale e si tengono nel teatro di Zelbio, info www.zelbiocult.it

Più informazioni su