CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

A settembre Como sperimenta l’effetto WOW. Tra un mese il festival al Tempio Voltiano

Più informazioni su

Tra un mese scatterà a Como il primo WOW Music Festival, la nuova rassegna musicale gratuita sul lungolago di Como che impegnerà l’area del Tempio Voltiano per tre venerdì consecutivi, 4, 11 e 18 settembre. Una collocazione in calendario che va, in parte, a colmare un vuoto di eventi creato dallo spostamento di Parolario e, se il meteo sarà dalla parte degli organizzatori, beneficia ancora della voglia di estate specie di un pubblico giovane prima di tornare a pensare agli studi.

il gruppo al lavoro per WOW

il gruppo al lavoro per WOW

Nelle tre date del WOW, dal pomeriggio, fino a notte inoltrata, si susseguiranno spettacoli musicali, workshop, incontri con autori, dirette radio, degustazioni di street food. Gli organizzatori, Como Concerti, e Marker hanno immaginato qualcosa di più di una semplice rassegna musicale, un vero e proprio appuntamento per un pubblico con voglia di partecipare dove sarà possibile incontrarsi, scambiare opinioni, partecipare alla vita cittadina cercando di “tirar fuori” il meglio dei giovani comaschi spesso, a torto, definiti intorpiditi e vittime di complessi di inferiorità verso altre città vicine (questo un po’ è vero).

WOW music festival fa parte del programma Como Live 100 e20 del Comune di Como che ha sostenuto subito l’idea di un festival in un’area diversa dalla solita piazza Cavour. A un mese dal via altre realtà comasche hanno deciso di affiancarsi a WOW acquistando uno degli spazi meeting che saranno allestiti nel perimetro del festival, in particolare Acsm, Feltrinelli, Teatro Sociale, Ordine degli Ingegneri, Hotel Metropolsuisse, Ciboooh, sono stati i primi ad associare il proprio nome a WOW trovando un’area espositiva innovativa in un contesto unico.Mancano all’appello i professionisti, avvocati e commercialisti in particolare, tanto invocati dall’assessore Spallino fiducioso che le nuove disposizioni in materia di pubblicità per gli ordini professionali, invogliassero gli studi comaschi a prendere parte attivamente alla vita cittadina. Strano che Lorenzo Spallino, avvocato, non conosca “la proverbiale discrezione” dei suoi colleghi (?!?). Comunque manca ancora un mese e gli organizzatori confidano in nuovi partner visionari e coraggiosi.

Per quanto riguarda l’aspetto pià classico dei festival, quello musicale, la line up delle tre serate è stata quasi completamente svelata. Si esibiranno 10 artisti della scena elettronica, hip hop e rock.

wow 1

Ecco i sette nomi che gli organizzatori hanno, sin’ora comunicato: Ghemon, una delle voci più apprezzate della scena hip hop italiana. Temi profondi e rime molto curate fanno di lui un artista a metà tra un cantautore e un rapper. Una voce fuori dal coro, un talento forse unico nel suo genere.La sua espressione musicale è lontanissima dagli slogan e dai clichè a cui siamo abituati. Noth Inc, un mixer, due dj, quattro mani. Negli ultimi mesi questo duo di artisti comaschi ha risvegliato nella città il gusto per il clubbing puro. Niagara, ovvero pop, elettronica, psichedelia e dance music. Dj, producer e radio producer, Elisa Bee in pochi anni è diventata il punto di riferimento dell’elettronica “made in Italy”. Clap Clap è lo pseudonimo con cui Cristiano Crisci ha dato vita al suo ultimo progetto musicale future roots. Una giungla di suoni, campionamenti di strumenti e voci provenienti dal continente africano. Power duo della scena indie rock torinese, Anthony Laszlo è una band in grado di unire egregiamente cantautorato e rock. Populous altro non è che Andrea Mangia, musicista e producer nato e cresciuto in Salento. Il suo stile è un ponte ideale tra la freddezza dei suoni digitali e il calore analogico fatto di respiri soul e shoegaze. Ninos Du Brasil, sono una delle band più discusse della scena elettronica degli ultimi anni. Avvolti da un alone di mistero sono divenuti da subito famosi grazie alle loro sperimentazioni musicali estreme, al limite dell’improbabile.

wow 2

 

 

Più informazioni su