CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

LA STORIA – Vende online al proprietario la bicicletta rubata: fermato!

Bicicletta rubata – Sconcertante, ma veri: i carabinieri della Stazione di Como hanno denunciato  un cittadino italiano, nato in Germania nel 1967, residente a Foggia ma di fatto domiciliato a Bormio, già noto alle forze di polizia, poiché ritenuto responsabile di ricettazione, possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli e porto di armi o oggetti atti ad offendere.

I militari di Como erano stati informati nei giorni scorsi da un altro 48enne della provincia di Varese del fatto che quest’ultimo aveva riconosciuto come propria una bicicletta posta in vendita su un sito on line (MOUNTAIN BIKE, MARCA “MERIDA”, MOD. “CARBON FLEX”, del valore di circa 2000 euro, proposta al prezzo di 1000 euro) precedentemente rubatagli mentre era in villeggiatura a Bormio (SO) e per la quale aveva presentato denuncia lo scorso 26 luglio presso i carabinieri del posto.

L’uomo aveva aggiunto ai carabinieri di Como di aver aderito all’annuncio, proposto da un uomo che diceva di trovarsi in provincia di Como e per tale motivo aveva fissato un incontro nel capoluogo lariano per ultimare la vendita. All’incontro, nei pressi dello stadio di Como, si sono però presentati i carabinieri, opportunamente appostatisi, che hanno prontamente recuperato la bicicletta rubata, identificata grazie al numero di telaio fornito dalla vittima in sede di denuncia e restituita al legittimo proprietario ed hanno identificato e deferito in stato di libertà il ricettatore. Quest’ultimo, sottoposto a perquisizione personale e dell’autovettura, è stato trovato anche in possesso di utensili vari atti allo scasso, del quale non è stato in grado di giustificare detenzione e provenienza, nonché di 2 accette ed 1 coltello con lama lunga circa 8 cm.

Inoltre, la contemporanea perquisizione operata dai militari dell’Arma di Bormio all’interno di una tenda da campeggio utilizzata dal medesimo per soggiornare nella summenzionata località di domicilio, permetteva di rinvenire alcuni accessori appartenenti alla predetta bicicletta, restituiti al legittimo proprietario.