CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Un furto simulato: l’ex Rockets condannato ad un anno (LE SUE FOTO)

Truffa e simulazione di reato: sono queste le accuse che hanno portato l’ex tastierista dei Rockets (la band cult degli anni Settanta, con i componenti che si presentavano sul palco ricoperti di oro) , Fabrice Quagliotti, con casa sulla collina di Como, ad essere condannato a un anno di reclusione (pena sospesa con la condizionale) dal Tribunale di Como. Assoluzione per mancanza di prove per i suoi coimputati finito nell’indagine. La vicenda risale a diversi anni fa quando il musicista aveva denunciato a forze dell’ordine e compagnia di assicurazione il furto della sua Bmw. Per la Procura, invece, quella vettura sarebbe stata ritrovata in Spagna pronta per essere spedita in Africa. Da qui l’accusa di truffa (all’Assicurazione) e di simulazione di reato.

Per il giudice di Como Mariani la tesi del Pm Fadda e’ sostanzialmente credibile: da qui la condanna ad un anno per Quagliotti che, prima della sentenza, in aula ha sostenuto con forza di essere stato derubato e di non aver mai voluto fingere la scomparsa dell’auto. Anche perche’, secondo lo stesso ex Rockets, quella vettura rinvenuta in Spagna e’ del tutto differente dalla sua. Ma non e’ servito a nulla. Il legale di Quagliotti dovrebbe presentare ora ricorso in appello contro questa condanna anche se con la sospensione condizionale.

rockets anni 70