CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Elio e le Storie Tese, Electric Light Orchestra e Los Lobos a Estival Jazz

Più informazioni su

Da 37 anni, proponendo Estival Jazz, l’organizzatore Andreas Wyden e il direttore artistico Jacky Marti tengono fede a quella promessa iniziale di offrire al pubblico un “open air” rigorosamente gratuito e di assoluto livello grazie agli sponsor.

Finora ci sono sempre riusciti anche se, quest’anno, anche la pur sempre florida Svizzera deve fare i conti con la crisi globale: meno tournée in Europa, aumenti dei costi degli artisti e della macchina organizzativa. Ieri mattina, nella sede luganese del Credit Suisse, lo hanno confermato proprio Wyden e Marti, presentando il cartellone della edizione numero 37 della rassegna.

Invariata la formula. Diciotto concerti – comprese le preserate luganesi nel Villaggio Estival patrocinate dalla Rsi – in cinque serate, le prime due nel piazzale alla Valle di Mendrisio, le ultime tre nella sede storica di piazza della Riforma a Lugano. Estival Jazz non cambia formula per proporre il suo colorito programma dalla world al rock.

Il debutto dell’open air internazionale venerdì 3 luglio nel piazzale alla Valle a Mendrisio: romperà il ghiaccio l’energico jazz di “Colors Of Life”, un progetto del “musicista di frontiera” Lorenzo De Finti, svizzero ma italiano d’adozione e diplomato in piano al Berklee di Boston. Autore delle sigle radiofoniche dei programmi di Rete Due, De Finti schiererà una squadra di fuoriclasse: dal prestigioso sassofonista Eric Marienthal della Electric Band di Chick Corea al trombettista Fabrizio Bosso, fra i più apprezzati in Europa e nel mondo, quindi Luca Scansani al basso, il chitarrista Walter Muto, Giorgio Di Tullio alla batteria e la cantante americana Kate Kelly.

Il secondo set sarà affidato alla bella e brava Ana Moura, oggi considerata la più famosa fadista portoghese. Nel terzo concerto, un pezzo di storia: la leggendaria Electric Light Orchestra, affidata al cantante e chitarrista Phil Bates, band che ha saputo creare un ponte fra la tradizione e il moderno, fra il mondo classico e quello rock attraverso l’abbinamento dell’elettronica con l’orchestra accompagnata dal Berlin String Ensemble, un eccellente quartetto d’archi.

La seconda serata di Mendrisio, sabato 5 luglio, sarà all’insegna della musica “da piazza”: prima la fusion di Chris Mihn Doky & The Nomads, quindi il folk dei Canzoniere Grecanico Salentino, uno dei più noti gruppi di musica popolare italiana che festeggia i quarant’anni con la “pizzica tarantata”,

infine il colombiano Yuri Buenaventura, principe della Salsa Dura.

Da giovedì 9 luglio, Estival tornerà a Lugano, in piazza della Riforma. Subito sul palco il quartetto di Marco Pacassoni, maestro italiano di vibrafono e marimba, in “Michel”. A seguire, il pianista, compositore e arrangiatore cubano Chucho Valdes, vincitore di cinque Grammy Awards e di tre Latin Grammy e fra le figure musicali più influenti nel jazz afrocubano moderno. A chiudere, un gruppo che ha fatto la storia del rock, vincitore di tre Grammy: Los Lobos.

Venerdi 10 luglio, Estival ha voluto offrire il palco ai Naturally 7, un gruppo vocale che ha entusiasmato il pubblico di piazza della Riforma nel 2007. Poi, dall’America si va in Africa, nel Mali, sulle orme del leggendario gruppo Les Ambasadeurs du Motel, nato nel 1969 e ricostituito l’anno scorso attorno a quattro dei suoi pionieri: Salif Keïta, Cheik Tidiane Seck, Idrissa Soumaoro e Amadou Bagayoko (del duo Amadou & Mariam). Nel terzo set, un ritorno dalle Estival Nights invernali: Candy Dulfer, fra le migliori sassofoniste della scena pop-funk mondiale.

Terza e ultima serata luganese sabato 11 luglio:  spazio ai Talking Drums, progetto del percussionista bernese Stephan Rigert con la voce di Gabriela Mendes. Per il secondo set, basta il nome: Elio e le Storie tese. Chiuderà questa edizione di Estival la black music di Seun Kuti, l’ultimo figlio di Fela Anikulapo Kuti, il creatore dell’Afrobeat.

Il programma ufficiale di Estival Jazz è sul sito www.estivaljazz.ch.

Più informazioni su