CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Cinciarini illumina Reggio, ora e’ dura per la Vitasnella (VIDEO E COMMENTO)

Reggio Emilia si conferma formazione di vertice della A1 maschile di basket. E trascinata dall’ex play di Cantu’ Andrea Cnciarini mette sotto la Vitasnella nel posticipo di questa sera: 86 -74 per la Grissin Bon di Reggio, saldamente terza forza del torneo. Serata difficile per i ragazzi di Sacripanti che hanno dovuto quasi sempre inseguire anche se a meta’ tempo sono poi riusciti a mettere il naso davanti agli avversari. Ora per centrare i play-off, a due giornate dalla fine, diventa complicata. Nulla di compromesso,ma dura di sicuro.

E nel finale di gara anche un “diverbio” tra Metta World Peace e il coach Sacripanti: il giocatore, zoppicante, ha detto no al cambio chiesto dal suo tecnico ed ha voluto restare in campo.Il Pino,a quel punto, ha fatto uscire Jones dopo avere chiamato un time-out.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA 86

ACQUA VITASNELLA CANTU’  74

 (18- 16, 39- 40, 62- 57)

ACQUA VITASNELLA CANTU’: Johnson-Odom 14, Feldeine 18, Abass, Bloise ne, Laganà ne, Maspero ne, Jones 6, Shermadini 8, Buva 5, Gentile, Williams 7, World Peace 16. All. Sacripanti.

GRISSIN BON REGGIO EMILIA: Mussini 3, Chikoko 3, Polonara 8, Lavrinovic 16, Della Valle 8, Pini, Kaukenas 14, Cervi, Silins 10, Diener 13, Cinciarini 11. All. Menetti.

Arbitri: Lanzarini, Vicino, Quarta.

 

LE PAROLE DI SACRIPANTI

Foxtown a MoscaCoach Sacripanti commenta così la sconfitta della sua Acqua Vitasnella sul campo della Grissin Bon: “Spiace aver perso una partita per noi così importante anche se non è una novità che Reggio Emilia vinca in casa. Noi abbiamo iniziato bene il match e abbiamo giocato 20 minuti di alto livello. Purtroppo però abbiamo perso il vantaggio accumulato e siamo andati all’intervallo in vantaggio per solo un punto. La zona match- up ci ha sicuramente messo in difficoltà anche se abbiamo sbagliato anche qualche tiro ben preso per cui diventa difficile dire dove finiscano i meriti e inizino i demeriti. Nel secondo tempo – ha aggiunto l’allenatore canturino – abbiamo commesso ciò che non avremmo dovuto fare. Reggio ha alzato l’intensità della propria difesa e noi ci siamo intestarditi in soluzioni personali smettendo di far girare la palla. Questo ci ha portato a perdere diversi palloni che hanno scatenato il contropiede della Grissin Bon che ha realizzato il parziale che si è rivelato decisivo”.

“Adesso – ha concluso coach Sacripanti – ci aspettano due partite decisive. Alla squadra dirò che partiamo da zero a zero e che dobbiamo giocare con la massima volontà come abbiamo fatto d’altra parte oggi. Non è una situazione semplice, ovviamente mi piacerebbe avere qualche punto in più, ma vogliamo fortemente raggiungere i playoff”.