CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Tricolori di nuoto a Riccione: il buon bottino dei comaschi (DETTAGLIO)

Tricolori di nuoto a Riccione – Si sono conclusi i Campionati Italiani Assoluti di nuoto. La Piscina Comunale di Riccione ha ospitato 139 Società per un totale di 621 atleti così suddivisi: 316 maschi e 305 femmine (1495 presenze gara e 135 staffette). Ricco il medagliere (1 oro, 6 argenti e 3 bronzi) per il Team Nuoto Lombardia che ha schierato 34 nuotatori (seconda per numero di partecipanti dietro solo al Circolo Canottieri Aniene) di cui 16 maschi e 18 ragazze.

Sei erano gli atleti provenienti dalla sezione di Como. Portano a casa una medaglia a testa Maurizio Mottola e Mattia Schirru. Il primo nella 4x200sl (insieme a Valerio Coggi, Alessandro Bori e Filippo Magnini – tempo 07’21”02), mentre il secondo nella 4×100 (con Valerio Coggi, Alessandro Bori e Filippo Magnini – tempo 03’18”52). Meno bene nelle gare individuali, dove Mottola ottiene un 21° posto nei 100sl (50”70) e un 22° nei 200sl (01’52”82), mentre Schirru è 19° nei 100sl e 23° nei 50sl. L’altro comasco, il ranista Marco Zanca, ha ottenuto un 14° posto nei 50ra (28”64) e un 23° nei 100ra (01’03”87).

Buoni i piazzamenti in campo femminile. Il miglior risultato individuale è di Letizia Paruscio, terza nella Finale B dei 200do con il crono di 02’16”92. Non male le prestazioni di Eleonora Costa, 20ª nei 100sl (57”55), e di Alessia Lupi, 27ª nei 50ra (33”53). Da segnalare, infine, anche la medaglia d’argento di un altro comasco, Davide Cova, nei 200misti (02’01”58). L’atleta, tesserato sempre per il Team Nuoto Lombardia, si allena al Centro Natatorio “A. Quadri” di Treviglio.

Vede il bicchiere mezzo pieno coach Paolo Targa: “Il giudizio complessivo è positivo visto che torniamo da questi campionati con due medaglie d’argento. Bene Letizia Paruscio che ha centrato la finale B dei 200do e sfortunatamente ha mancato quella dei 200mi per soli quindici centesimi. Il rammarico – e conclude – c’è per le performance individuali di Schirru e Mottola, i quali avrebbero potuto fare di più visto i tempi nuotati nelle staffette”.